Bla Bla a cura di Alessandro Mendini

Pubblicato il 4 aprile 2013 Di

MIMA-MILANO MAKERS è una nuova associazione senza fini di lucro che si rivolge al mondo dei produttori indipendenti di design senza limiti geografici. Ne sono promotori Cesare Castelli, Duilio Forte, Nuala Goodman, Alessandro Guerriero, Maria Christina Hamel, Francesco Mendini, Franco Raggi. L’associazione MILANO MAKERS intende promuovere e valorizzare attraverso azioni collettive tutte quelle attività creative di produzioni non seriali e autonome nell’ambito del design, presenti sul territorio nazionale e oltre.

Per il Salone del mobile, Milano Makers presenta la mostra Bla Bla curata da Alessandro Mendini con allestimento di Duilio Forte, coordinamento Cesare Castelli in coproduzione con l’Assessorato alla Cultura Moda e Design del Comune di Milano e con il patrocinio della Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte. La mostra Bla Bla, articolata in due sezioni Bla Bla. Discussione Virtuale e Bla Bla Esempi, si terrà alla Cattedrale della Fabbrica del Vapore, in via Procaccini 4, dal 9 al 14 Aprile 2013 (11.00/20.00). Bla Bla Discussione Virtuale è un’installazione video e riprodurrà su un grande schermo, proiettate in loop, la raccolta di moltissime auto-dichiarazioni teoriche di designer internazionali.

Nella sezione Bla Bla Esempi saranno presentate una serie di piccole mostre sui temi ritenuti interessanti alla definizione dei problemi in atto.

– “Mano e terracotta”, a cura di Maria Christina Hamel

– “Terra cruda”, a cura di Mina Bardiani e Claudia Mendini

– “Duetto” , a cura di Anna Gili

– “ArkiZoic Bellum”, a cura di Duilio Forte

– “Recession Design”, a cura di Recession Design

con libro

– “Materiaprima”, a cura di Alessandro Marelli

– “Natural Design Exhibition”, a cura di Maurizio Corrado

con libro

– “Nuove Resine”, a cura di Carmine Deganello con FabLab di Amsterdam

Ulaola, la prima boutique online del Made in Italy autoprodotto, strutturerà e gestirà l’e-shop di Milano Makers dove si potranno visionare ed acquistare i lavori presenti in mostra identificati da un QR Code. Attraverso questo spazio virtuale verranno portati in rete anche i designers, le loro storie e l’intero innovativo progetto di Milano Makers.