Cosa dicono i designer di Swart

Pubblicato il 12 ottobre 2013 Di

Punto di incontro tra creatività e mercato, Swart è una nuova piattaforma di vendita, scambio e crescita dedicata al mondo dell’autoproduzione che intende promuovere la pratica del design autoprodotto e indipendente made in Italy.

I progettisti presenti all’interno di Swart gestiscono l’intera filiera produttiva dei loro prodotti: dall’ideazione alla progettazione, dalla produzione alla promozione. A unirli è la passione per la forza espressiva dei materiali “primi”, il fascino per il riuso intelligente e originale di oggetti di scarto come componenti di prodotti nuovi, l’attribuzione di ricchezza e valore al processo ideativo che rende un’idea unica e originale.

L’intesa tra Swart e i designer presenti sul sito è molto forte, basata su una comunanza di idee, pensieri e attitudini al progetto. Non ultima, la volontà di affrontare insieme il mercato on-line nel campo dell’arredo e degli accessori, percorso che in Italia è ancora pioneristico.

Lo conferma Giuseppe Colucci di Art Design Factory: “È il piacere di condividere assieme una passione che ti fa andare avanti e ti fa iniziare nuovi progetti, nuovi modi di vedere le cose, nuove collaborazioni e partecipazioni. È vent’anni che faccio oggetti, solo due che sono entrato nel commercio. Ma la voglia di interagire con altre persone appassionate di design è sempre tanta. Credo che con Swart, l’intesa, sia partita subito proprio per questo”.Anche Iskra Sguera sottolinea che “Swart è diverso da tutti gli altri siti di e-shop, per la sua cura nel dettaglio, l’alta qualità e la ricerca dei prodotti accuratamente selezionati e made in Italy”.

I designer selezionati da Swart uniscono capacità manuale e cura artigiana a un approccio progettuale rigoroso e creativo, dando vita a prodotti in serie limitata e numerata, sintesi di un racconto, tra passato e futuro, tra vecchi materiali e nuovi usi.

All’interno delle categorie casa, persona e bambini sono raccolti prodotti di arredo, illu- minazione, accessori, gioielli, tessuti e giochi. La selezione comprende centinaia prodotti di designer già noti nello scenario italiano dell’autoproduzione ma anche di giovani realtà in crescita che propongono oggetti inediti mai commercializzati prima sul web.