E-STRAORDINARIO vince il 1° Premio CULTURA+ IMPRESA 2014

Pubblicato il 3 febbraio 2015 Di

Il progetto E-STRAORDINARIO, programma di formazione che porta l’arte contemporanea nel mondo dell’impresa, ideato dalla Fondazione Ermanno Casoli (FEC) e da Elica, e sviluppato in collaborazione con ACRAF e Gruppo 24ORE, si è aggiudicato il 1° posto nella sezione Sponsorizzazioni e Partnership culturali del Premio CULTURA+ IMPRESA 2014. FEC_01

 

Il premio ha l’obiettivo di individuare i migliori progetti italiani di Sponsorizzazione e Partnership culturale, e Produzione culturale d’Impresa con la finalità di riaffermare il ruolo del patrimonio culturale italiano, non solo quale tratto dell’espressione storico e artistica, ma quale driver di sviluppo socioeconomico patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ottiene dunque un ulteriore riconoscimento, a conferma del successo già ottenuto in numerose realtà aziendali che ne hanno sperimentato la validità di applicazione quale strumento didattico-metodologico rivolto ai dipendenti e finalizzato alla diffusione della cultura in impresa: ACRAF e Gruppo 24ORE sono tra i principali partner che hanno sostenuto con maggior incisività tale sinergia, collaborando con continuità alle iniziative della Fondazione e testimoniando il valore di questo approccio. FEC, diretta da Deborah Carè e sotto la direzione artistica di Marcello Smarrelli, promuove da anni progetti che contaminano arte e organizzazioni aziendali affinché si possano innescare originali processi di innovazione rafforzando la creatività e la coesione sociale. Alla base delle attività promosse dalla Fondazione Ermanno Casoli c’è la convinzione che l’arte contemporanea contribuisca a rompere i paradigmi tradizionali del sapere comune. Gli artisti infatti, realizzando i loro lavori con il coinvolgimento attivo dei dipendenti delle aziende, permettono loro di prendere confidenza con uno stato mentale ed emotivo che porta al manifestarsi di una possibilità inattesa. Negli ambienti in cui questa apertura diventa consuetudine si possono attivare processi di cambiamento in maniera più veloce ed efficacie. Un approccio che ha conquistato la Giuria del Premio CULTURA+ IMPRESA 2014, composta da professionisti, accademici e ricercatori, che hanno valutato le candidature secondo otto parametri:

• Innovazione di obiettivi, soluzioni scelte, modalità esecutive; • Strategia e attivazione di un piano di Comunicazione integrata; • Benefici ottenuti dai fruitori del Progetto culturale e del Territorio di appartenenza; • Networking con Istituzioni, Media, Aziende; • Sostenibilità economica del Progetto e gestione delle risorse; • Integrazione con campagne di CSR – Corporate Social Responsibility; • Modalità di misurazione dei risultati rispetto agli obiettivi ottenuti da entrambi i Partner; • Creazione di opportunità di lavoro per Operatori culturali e della comunicazione. “Con grande orgoglio riceviamo questo premio. Esso rappresenta un riconoscimento non solo al progetto innovativo, ma ad una visione che a molti sembrava utopistica, ossia quella di poter coniugare cultura, territorio, impresa e occupazione sotto un’unica espressione: l’arte – commenta Francesco Casoli, Presidente di Elica e dalla Fondazione Ermanno Casoli. Elica, oggi, è una sorta di pioniere in questo tipo di attività che potrà essere applicata in altri contesti, anche internazionali”.Numerosi sono i partner istituzionali del Premio CULTURA + IMPRESA 2014: Consiglio d’Europa, Ministero dei Beni e delle Attività culturali, ANCI, Camera di Commercio di Milano, Regione Lombardia, Comune di Milano, ASSOCOM, ASSOLOMBARDA, ASSOREL, FERPI, UPA.