FROM NATURE TO DESIGN: NUOVE IDEE PER IL MONDO DEL GRANITO

Pubblicato il 10 ottobre 2014 Di

Proclamati i 12 progetti selezionati della prima edizione del contest di idee indetto da Marmi Bruno Zanet in partnership con Abitare il Tempo, Marmomacc e il gruppo editoriale New Business Media.

Al di là delle aspettative il numero dei partecipanti aderenti alla prima edizione del contest internazionale di idee From Nature To Design. Si è concluso lo scorso 26 agosto il contest organizzato da Marmi Bruno Zanet in collaborazione con Abitare il Tempo e Marmomacc dedicato alla scoperta di nuovi e originali spunti realizzabili grazie all’utilizzo del granito e della pietra naturale. La settimana scorsa ad Aquardens – Le Terme di Verona (Via Valpolicella, 63 – S. Lucia di Pescantina – Verona), nel corso di una serata evento organizzata da Marmi Bruno Zanet, sono stati consegnati i riconoscimenti agli autori dei progetti selezionati.Thicky_Family

Architetti, designer, ingegneri e progettisti di ogni nazionalità si sono misurati nell’unire innovazione e creatività e offrire soluzioni inedite rispetto a quelle tradizionali attualmente prodotte e presenti sul mercato. Sono 12 i progetti selezionati e, tra questi, di tre sono stati realizzati dei prototipi direttamente da Marmi Bruno Zanet presentati ad Abitare il Tempo. Presso VeronaFiere, in occasione delle manifestazioni fieristiche è stato, infatti, allestito uno spazio interamente dedicato ai progetti selezionati (2° Piano PalaExpo, Stand A 1-20) in cui pannelli fotografici e realizzazioni vere e proprie dimostrano il profuso impegno dei partecipanti. Tra questi possiamo trovare “Thicky Family” dell’architetto Marco Fiorentino, che, con pochi elementi di legno e di granito, ha saputo creare un intero sistema di complementi di arredo dall’estetica accattivante, tra cui un portaombrelli e un appendi abiti. L’architetto Carlo Madone, invece, ha concepito “Freedom” proponendo una nuova idea di tavolo che diventa elemento totemico, quasi scultura. Una seduta fortemente iconica lavorando sulla semplificazione del processo di produzione e sul mix di materiali, invece, è stata realizzata dall’ingegnere Franco Lucifora: è “Comodo” che dalla sinergia tra il granito, materiale classico e naturale, e la plastica proposta in diverse colorazioni fluo, ha unito il design degli anni Settanta con i giorni nostri.

I lavori del contest si sono svolti a S. Lucia di Pescantina (VR) il 28 agosto 2014, con una giuria particolarmente qualificata e un occhio molto attento all’originalità, al grado di innovazione e ricerca, ma soprattutto alle specificità tecnologiche e produttive reali, nonché al grado di producibilità tecnica dei concept proposti.

«Desidero congratularmi con i progettisti di questa prima edizione la cui passione e dedizione sono state esemplari. Il design in Italia è uno delle colonne portanti più preziose per l’economia e la sua sopravvivenza dipende proprio da persone così appassionate che sanno reinventare quotidianamente stili e forme – commenta la Dott.ssa Roberta Zanet, Amministratore Delegato di Marmi Bruno Zanet. «Sono lieta del successo raggiunto da questa prima edizione che, oltre a celebrare la pietra naturale come materiale architettonico insostituibile, ha aiutato a promuovere competenze ed estro nel campo del design innovativo e contemporaneo», conclude Zanet.