FUTURE TASTING ad Abitare il Tempo 2012

Pubblicato il 19 ottobre 2012 Di

LʼItalia ha molti Punti Vendita di mobili, molti di questo sono praticamente perfetti: layout chiari, percorsi invitanti, marchi giusti. Cosa manca allora perché questi spazi siano frequentati da gente curiosa, interessata, coinvolta? Manca appunto la curiosità, lʼinteresse, il coinvolgimento e quindi la
voglia di comprare.
Il retail deve diventare un polo dʼattrazione, un palcoscenico, non un museo. Uno spazio dove vanno in scena a turno vari interessi e che, di base, sia sempre connesso con i Clienti finali e con le aziende.
Questa nuova filosofia del retail sarà la protagonista di Future Tasting, che sarà presentato durante Abitare il Tempo dal 21 al 23 ottobre 2012 ed ideato dalla Art Director e Interior Designer Elisabetta de Strobel.
Future Tasting è un breve assaggio sul futuro del retail. Sulla base di una Connessione sempre più forte, vanno in scena lʼExtra-ordinary e lʼEco-Ethical, due tendenze che completano la (pre)visione del futuro nel gusto e nella distribuzione.
Tre sono le tendenze emergenti individuate dal progetto Future Tasting. Tre proposte, tre spazi attraverso i quali poter organizzare il negozio del futuro. Ogni spazio è concepito come un percorso esperienziale ipotetico in cui il consumatore potrà vivere emozioni diverse e stupefacenti, guidato dal simbolo del riciclo alla base della filosofia della blue economy.
1 BE CONNECTED
La connessione tra persone e contenuti digitali diventa sempre più naturale ed intuitiva. Le pareti diventano superfici animate da stimoli, immagini e suoni che colgono lʼattenzione del Cliente e lo invitano ad interagire.
In questo primo spazio espositivo animato da vetrine interattive, i desideri formato digitale prendono vita e seguono fisicamente le persone. Il Cliente potrà visitare su uno schermo touchscreen le aziende, sfogliarne le collezioni, proiettare una stanza ideale a grandezza naturale. Le aziende e le collezioni sono scelte tra le più significative presenti ad Abitare il Tempo.
2 BE EXTRA-ORDINARY
Dal fascino futuristico allʼambiente di fiaba. Lo spazio espositivo diventa un piccolo teatro, un palcoscenico dove va in scena lo spettacolo del prodotto. Con una strategia ad alto tasso di straordinarietà e meraviglia, ogni oggetto si trasforma in un tesoro, è reso prezioso, affascinante e colorato capace di catturare lʼattenzione del Cliente e suscitarne lo stupore. Il Cliente viene attorniato dalle creazioni più fantasiose, scelte tra le proposte di Abitare il Tempo, il tutto allʼinterno di una sala da pranzo dal fascino magico. Un recupero vintage del passato in chiave scenografica, per apprezzare nuovamente il valore dei materiali, delle forme e delle finiture, come allʼinterno di una favola.
3 BE ECO-ETHICAL
In un mondo in veloce cambiamento non possiamo sfuggire alle trasformazioni continue che ci circondano.
Per riscoprire la nostra parte più autentica e amante della natura, facciamo rifiorire la natura negli spazi urbani, attraverso il riutilizzo di materiali naturali e sagge tecniche di costruzione eco-friendly. In questo terzo spazio espositivo il Cliente viene stimolato e sensibilizzato verso il tema della blue economy. La natura non solo è dispensatrice di ricchezza inestimabile ma ci insegna anche soluzioni tecnologiche e imprenditoriali nuove per un futuro più prospero e sostenibile.
Parallelamente, durante le tre giornate, il Cliente può partecipare a due workshop a tema.
Be connected for retail” ha ad oggetto lʼutilizzo dei sistemi di connessione attraverso il web e le nuove tecnologie per il Punto Vendita del futuro. “Future tasting for retail” affronta il tema della comunicazione nel retail del futuro.