Green Home Design: un successo

Pubblicato il 29 ottobre 2012 Di

Uno spazio letteralmente preso d’assalto dal pubblico ha decretato il successo della seconda edizione di Green home design, abitare il presente, la mostra espositiva sull’architettura, sull’edilizia sostenibile e sull’efficienza energetica organizzata da My Exhibition in collaborazione con MADE expo e patrocinata da Green Building Council.
13.238 i visitatori nel complesso, di cui 10.976 gli operatori del settore, con un incremento del 20% rispetto all’edizione del 2011. 1.985 gli operatori esteri che rappresentano il 15% delle presenze totali.
Notevoli anche i dati della preregistrazione on line sul sito www.hsdesign.it con oltre 2.000 registrazioni pervenute, ed enormi i numeri della visitazione del sito internet da tutte le parti del mondo.
Da segnalare inoltre la presenza degli oltre 200 giornalisti accreditati dall’ufficio stampa e l’attenzione dei media generalisti e specializzati, con passaggi televisivi che hanno messo in onda le riprese dello spazio espositivo e le dichiarazioni dei principali protagonisti che hanno partecipato alla sua realizzazione.
Il merito va al format innovativo che ha puntato sulla funzionalità di edifici ecosostenibili, offerto spunti di dibattito su tematiche del costruire e del vivere contemporaneo all’insegna della salvaguardia ambientale. Green home design ha ospitato, su una superficie di 1600 mq, tre case, un asilo, una sala convegni e una zona lounge con Bio bar, vere e proprie strutture prefabbricate costruite in scala 1:1. Artefici della progettazione, Aldo Cibic, Marco Piva e Massimiliano Mandarini, che hanno dato la loro interpretazione all’architettura del presente attraverso progetti che coniugano
ricerca estetica, funzionalità e soluzioni energeticamente efficienti.


“Siamo molto soddisfatti del lavoro che abbiamo svolto per questa edizione” afferma l’amministratore delegato di My Exhibition, Carlo Matthey. “I risultati che stiamo raccogliendo oggi premiano l’impegno e la dedizione del nostro team. I numeri di oggi sono un grande stimolo per guardare al futuro e alle prossime edizioni della manifestazione”.

Notevole successo anche per i workshop tematici. “La forte integrazione tra prodotto, design e ambiente ha evidenziato il valore della progettazione sostenibile con particolare attenzione all’involucro, ai materiali e ai costi accessibili di realizzazione e manutenzione” – conclude Matthey – “è stata elemento fondamentale per offrire ai visitatori soluzioni architettoniche a elevata efficienza energetica”.
Diversi i sistemi costruttivi impiegati per le realizzazioni: il legno – che trattiene il caldo d’inverno e il fresco d’estate riducendo di conseguenza i consumi energetici-, la calce e la canapa – un mix che da vita a un ottimo isolante termico -, lo xlam – un sistema che prevede un multistrato lamellare in legno con cui è possibile erigere edifici fino a 9 piani, così come l’acciaio. Tutti materiali che contribuiscono a creare abitazioni a basso impatto ambientale.