IL DESIGN COME MOTORE DI SVILUPPO TERRITORIALE Al

Pubblicato il 9 maggio 2015 Di

Si è conclusa anche la seconda edizione della collettiva di imprese laziali LAZIO FACTORY DESIGN in mostra al Fuorisalone a Milano, in concomitanza con il Salone Internazionale del Mobile, dal 14 al 19 aprile 2015. Promossa nell’ambito dei rispettivi programmi di promozione e di internazionalizzazione da Unioncamere Lazio e Regione Lazio, in collaborazione con Lazio Innova SpA, Camera di Commercio di Roma, Aspiin, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Frosinone e le Associazioni di categoria di settore, l’esposizione ha avuto il pregio di presentare diverse eccellenze territoriali del design laziale che si ispirano alla sostenibilità ambientale. Con la direzione artistica di ADI Lazio al T35 all’interno dell’hotel nhow Milano di Via Tortona 35, nel contesto della mostra dal titolo design stories, LAZIO FACTORY DESIGN ha saputo esprimere la competenza e la creatività delle produzioni laziali, in un contesto internazionale ideale per dare voce al design, importante motore di sviluppo economico anche a livello regionale. Nell’area espositiva, le aziende selezionate per questa edizione hanno portato prodotti e progetti ispirati ai principi di ecosostenibilità e rispetto per il Pianeta spaziando dall’arredamento ai complementi d’arredo, interior design, illuminazione, tessuti e accessori: ADD Associazione Distretto del Design, ANTONIO SIMEONE VETRI D’ARTE, BABABUA’, CODICE A BARRE, COVO, COMPUTARTE, DOMOZERO, FAMILYBED, F.LLI MARMO-°©‐IT’S STONE, I.SOFA-°©‐INDUSTRIA PIZZETTI, MARABUI, MARIA DIANA, NSD FACTORY, QUOOD, RIVAVIVA, SARTEBA, SCARTAMI, TIB.STUDIO, TODINI SCULTURE, TROLLE IACOBUCCI 1972, UNIKO, UNSOLID, VESTA. Ricco anche il calendario di appuntamenti che hanno movimentato la location come la presentazione di aziende, designer, prodotti selezionati nell’ADI INDEX 2014, cui è stato conferito il Premio Eccellenze del Design nel Lazio. In particolare, molto apprezzate dai numerosi ospiti che si sono avvicendati nell’arco della settimana, le degustazioni di prodotti tipici, una anticipazione della presenza, con un proprio spazio espositivo, della Regione Lazio ad Expo 2015. In primis lo chef Sandro Serva del Ristorante La Trota, 2 stelle Michelin, ed anche i cuochi Graziella Sangemi, Angelo Fanton e Pietro Cervoni, membri dell’associazione Cuochi di Roma FIC. Gli chef sono stati coadiuvati dagli allievi del progetto CHEFUTURO® che coinvolge giovani cuochi degli istituti alberghieri della Regione Lazio, nel presentare piatti originali legati all’evoluzione in chiave moderna delle ricette regionali laziali e nell’organizzazione dei Laboratori del Gusto: degustazioni anticipate da breve presentazione della storia dei prodotti utilizzati, caratteristiche, tecniche di preparazione e presentazione della ricetta.