Ipno_Diamantini&Domeniconi a Maison et Objet 2013

Pubblicato il 11 settembre 2013 Di

È un ramo bagnato nelle acque del Lete ad addormentare Palinuro, il nocchiero di Enea. A scuoterlo sulle sue tempie il Sonno, il dio greco Ipno: scende leggero dagli astri celesti, agita l’aria oscura e dissipa le ombre, per poi alzarsi in volo e scomparire nella notte. Si chiama proprio così, Ipno, il nuovo orologio da tavolo del designer Alessandro Zambelli per Diamantini & Domeniconi: in anteprima, dal 6 al 10 di settembre, a Maison et Objet di Parigi (Pad. 8 now Stand A35 – B36).

Ipno, come il dio figlio della notte. Ipno, perché quasi ipnotica è la particolarità del complemento d’arredo ideato dal designer: la presenza di un pendolo interno utilizzato come bilanciere consente alla cassa un moto oscillatorio perpetuo e trasforma Ipno in un orologio a “dondolo”.

 

Quasi un’evoluzione contemporanea – semplicemente più ironica, dinamica e creativa – dell’orologio a pendolo di altri tempi, finalmente in grado di muoversi nell’aria e di assecondare il proprio moto armonico in piena libertà, non solo alle pareti, ma anche in appoggio alle superfici.

Ipno misura 16cmL x 20H e 6P ed è realizzato in betulla naturale, oppure laccata in vari colori, in noce medio o in mogano.