La scelta green dei giovani designer, tutte le novità di Moa Casa 2013

Pubblicato il 25 ottobre 2013 Di

Dal 26 ottobre al 3 novembre, i visitatori di Moa Casa 2013 potranno intraprendere un viaggio tra oggetti di design realizzati con i materiali più curiosi, dal cartone al jeans.

Tecniche e nuovi materiali eco-compatibili, punti fermi per un’attuale e non invasiva qualità del vivere. Moa Casa, sempre attenta alle novità dell’arredamento ecosostenibile, negli ultimi anni ha rivolto particolare attenzione ai giovani designer che hanno intrapreso un percorso di creatività con approccio green. Le creazioni, dal design strategicamente accattivante, sorprendono e sensibilizzano il consumatore sull’importante tema del riciclaggio dei rifiuti come risorsa.

Un vecchio modello di sedia classica, riciclata e ristrutturata con seduta in jeans, può diventare un nuovo oggetto di design fornito di tasche (eredità dei vecchi pantaloni) funzionali per contenere riviste o oggetti. Il duo creativo di Hang Design presenta oggetti freschi e giovanili, realizzati con il tessuto più amato dalle nuove generazioni, declinato nelle soluzioni di design più originali. Accessori e oggetti di uso comune si “vestono” di jeans, dalle tovagliette per la tavola al quadro che diventa un originale svuotatasche con la doppia funzione di arredare e contenere oggetti, come chiavi, cellulare o riviste.​

moa2

Sempre nuovi sono i rivestimenti scelti per l’arredo in un ottica di design eco-sostenibile. Dal riciclo di carta e cartone prendono vita le creazioni di Ecocentriche: i resistenti imballaggi incollati, piegati, perforati e tagliati acquistano nuova vita e si trasformano in originali oggetti di design eco-compatibili. Nascono così i Complementi d’Arredo e i solidi e resistenti Mobili di Cartone, realizzati in ondulato doppio e triplo, con una tecnica di traverse a incastro, studiata per rendere il mobile resistente. Mille colori e anima pop: tutte le creazioni di Ecocentriche sono perfettamente personalizzabili grazie alla natura del cartone – riciclabile, leggero e resistente – che offre infinite possibilità di grandezze, forme e decorazioni. Cartone e non solo: novità di quest’anno è la CIAM-BELLA, poltrona costruita con camera d’aria e fettucce che verrà presentata in anteprima a Moa Casa 2013

Tra le soluzioni dei giovani creativi, vecchi oggetti caduti in disuso trovano nuova vita e nuove forme come lampade di design. Sottratti all’immobilità e al silenzio perpetuo di vecchie case, fabbriche e stabilimenti in disuso, una vecchia teiera, una reflex, barattoli di vetro e fascette elettriche prendono di nuovo luce grazie a sapienza artigianale e innovazione creativa. Obiettivo: riscattare gli oggetti abbandonati e rallentare così il processo crudele del consumo incosciente. Come LUMI BARTALI di Ant Design by Michela Ferrari, lampade da soffitto o da terra composte da ruota inox da bicicletta comprensiva di gomma e camera d’aria + fondina da forno in alluminio, un approccio green di visione progettuale innovativa, con l’intento di uno sviluppo sostenibile e del consumo responsabile.

Vero protagonista delle ultime tendenze dell’arredo è il forte ritorno all’utilizzo di legni naturali. La designer Erika D’Elia propone, per Moa Casa 2013, un set di oggetti per la vita quotidiana – coffee table, sedute, orologi e contenitori – realizzati in legno, sempre vivo e preso da alberi già abbattuti di varie essenze. Lavorato a mano senza trattamenti e poi utilizzato con plastiche, ardesie, tessuti, altri materiali e lavorazioni, il risultato è un gioco di trasparenze e colori con le venature e le strutture organiche del legno, tra perfezione e trama grezza. Oggetti fatti non solo per essere usati, ma anche toccati e vissuti con i sensi. Nascono così oggetti sempre nuovi che raccontano una storia fatta di arte, artigianato e design, che arricchiscono la casa, rendendola più accogliente e unica. Come la “Lampada Corteccia”, lampada da sospensione in corteccia di eucalipto e struttura in ferro trattato.