L’isola di Capri per un mese diventa scena e spazio espositivo diffuso, outdoor e indoor.

Pubblicato il 30 agosto 2014 Di

 

Più di 25 interventi d’arte – tra sculture, installazioni audio e video, proiezioni in notturna, esposizioni, performance -, 40 artisti coinvolti, italiani e internazionali, e un percorso espositivo che si snoda su tutta l’isola di Capri: dalla medievale Certosa di San Giacomo al celebre Belvedere di Tragara, passando per case e terrazze private, cortili e giardini di grandi alberghi. È il progetto Capri The Island of Art che dal 6 settembre al 5 ottobre, porta sull’isola i linguaggi contemporanei dell’arte in un percorso ideale, diffuso sul territorio dei comuni di Capri e Anacapri, pensato per coinvolgere il pubblico, anche quello più frettoloso e distratto, e favorire così nuovi approcci culturali e sensoriali ai luoghi dell’isola. Per un mese Capri diventa spazio di sperimentazione artistica, galleria diffusa, indoor e open air, luogo di incontro e confronto tra artisti e linguaggi diversi: scultura, pittura, fotografia, net art, audio e video art, performance.

Il progetto, promosso da Liquid Art System e prodotto da Franco Senesi, con la direzione artistica di Marco Izzolino, il supporto del Comune di Capri e del Comune di Anacapri, è un’edizione zero, d’esordio, ma con una mission precisa: ridare allisola una centralità artistica internazionale.

<Questa edizione zero vuole stimolare il coinvolgimento emotivo dell’isola, riallacciare i fili con il suo passato recente>, spiega il direttore artistico Marco Izzolino. <Capri è sempre stata uno straordinario teatro allaperto, un luogo di sperimentazione artistica, una fucina di avanguardie. I progetti realizzati per questa edizione d’esordio, molti site-specific, hanno un tema di fondo: quello di raccontare in che modo un luogo riesca a condensare i sogni e le aspettative di molti, scaturendo quel magma di emozioni, pensieri, riflessioni, sentimenti, che scorre in ogni individuo. Capri ha questa indubbia capacità: èunisola, la cui percezione, condizionata da ciò che nei secoli è stato scritto e raccontato di lei, influisce più della visione diretta. L’eterno racconto della bellezza di Capri contribuisce a farne la meta di viaggio di tanti visitatori, che qui giungono affascinati prima ancora di cominciare a passeggiare per le sue stradine. Lindubbia bellezza dei luoghi, unita alla fama che li precede, contribuiscono a farne un luogo da sogno. Ecco allora che le installazioni ed i progetti che riempiono i due comuni dellisola raccontano di unatmosfera da sogno, popolata di esseri fantastici, dove ogni cosa è possibile; in cui tra giochi di luce e musiche che toccano il cuore, ognuno di noi può essere trasformato nel personaggio di una fiaba… o, più al “passo coi tempi”, in uno script informatico e perdersi negli infiniti meandri della rete>.