Marazzi: nuovo showroom di Milano

Pubblicato il 26 aprile 2013 Di

In occasione del Salone del Mobile, Marazzi apre il nuovo showroom di Milano, uno spazio di circa 400 metri quadri in via Borgogna 2, nel cuore del design district della città meneghina.
Lo spazio – progettato dall’architetto Gianluca Rossi dello studio Uainot – è composto da zone su più livelli dedicate ai clienti finali, con ambienti arredati Marazzi, e al mondo dei professionisti con le innovative soluzioni per la progettazione proposte da Marazzi Engineering (pavimenti sopraelevati e facciate ventilate) e Marazzi Tecnica (sistemi di materie, colori, formati e superfici).
Settori particolari sono dedicati a Progetto Triennale, la nuova edizione della piastrella “4 volte curva” disegnata da Giò Ponti, alle nuove proposte di piastrelle super sottili e al mondo bagno Marazzi, con soluzioni espositive che permettono all’utente di entrare e vivere lo spazio.
La showroom presenta le ultime novità delle collezioni Marazzi: Treverkhome, nelle nuove declinazioni Larice e Olmo, Treverkatelier, la nuova collezione effetto legno dal sapore usurato e vissuto, le superfici materiche e i nuovi grandi formati del gres tecnicoSistemN, Brooklyn, il gres dall’originale superficie effetto cassero, e Oficina7, il nuovo rivestimento sottile in grande formato Marazzi.Il gres SistemN di Marazzi è protagonista anche dell’installazione ‘Aria Pura’, progetto del celebre architetto Mario Cucinella per la mostra Interni – Hybrid Architecture & Design (Cortile d’Onore dell’Università Statale di Milano, 8 – 21 aprile 2013).
L’installazione – un cubo monolitico rivestito di tessere esagonali in gres nero SistemN di Marazzi che riproduce metaforicamente una macchina sperimentale – si ispira al tema del benessere dell’uomo e della qualità dell’aria da salvaguardare e proteggere.
L’architetto Cucinella ha scelto per il progetto SistemN di Marazzi, appartenente ai sistemi del Color Plan, sia perché è un gres tecnico adatto agli esterni e alle superfici caratterizzate da grandi sollecitazioni, sia perché ricco di contenuti ecosostenibili.