Nido, a Sofia il nuovo showroom progettato da Mirko Tattarini

Pubblicato il 17 marzo 2014 Di

La rievocazione di un villaggio archetipico, esempio spontaneo e allo stesso tempo consolidato di una delle forme più celebri dell’architettura vernacolare, è lo spunto da cui è partito Mirko Tattarini con Lagos Design Studios per riprogettare gli interni del nuovo showroom Nido, uno dei maggiori negozi di arredamento di Sofia e della Bulgaria guidato dai fratelli Jordan e Sotir Abadjev, da sempre rivenditore ufficiale di grandi marchi della tradizione del design italiano.

A dialogare con il nuovo spazio retail, 500 mq destinati in origine ad un concessionario automobilistico e caratterizzati da un’architettura in vetro e acciaio dal gusto modernista quanto algido e anonimo, è una successione di casette in legno dal tipico tetto a due falde.IMG_9121

Pensate come struttura nella struttura, in un continuo rimando con l’orizzonte più ampio e freddo dello spazio ospitante, le casette delineano con i loro passaggi e le loro intersezioni un percorso solo all’apparenza disarticolato.

E’ il visitatore a scoprirne, quasi fosse un gioco, le connessioni e i rimandi: passando di scala in scala, di pontile in pontile, è lui a fare la scoperta diretta delle nicchie informali che si aprono all’interno delle case, dove l’abitare si fa più intimo e colloquiale e ogni ambiente sollecita uno slittamento progressivo di punti di vista. Infinite relazioni spaziali si realizzano così, attraverso le finite dimensioni delle singole unità.IMG_9072

Gli spazi sono separati e connessi ad un tempo in un’esperienza di retail esplorativa, che diventa in parte domestica laddove si scovano scorci in cui la casa si disvela nei suoi aspetti primitivi di villaggio, caverna, nido.

Allo stesso modo il soffitto dell’involucro, tetto sui tetti, scuro e punteggiato di luci, avvolge le sommità in una notte indoor, ulteriore richiamo ad una familiare primordialità. Le luci a sospensione, calate fino a penetrare le aperture praticate sui tetti, ricordano di moschee e bagni turchi, blanda concessione ad una parte della tradizione architettonica della Bulgaria, un tempo parte dell’impero Ottomano.

 IMG_9054

Progettato a ridosso dell’estate e inaugurato lo scorso dicembre, il nuovo layout è stato sviluppato secondo le indicazioni della committenza come progetto low budget; l’impiego di legno lamellare, una scelta in linea con la ricerca di un’estetica essenziale, ha infatti permesso un importante contenimento del budget.

In mostra nello showroom, le nuove lampade Sputnik diDesign Apparat, il marchio di arredamento prodotto da Nido e progettato da Mirko Tattarini già dal 2009 che rivisita il linguaggio del socialismo reale bulgaro.