SUN 2012: futuro con più ottimismo

Pubblicato il 8 novembre 2012 Di

Sostanziale riconferma degli afflussi complessivi dei visitatori, forte incremento dell’estero (1.050 operatori, +30% sul 2011), rilevante afflusso di progettisti e architetti, aumento dei titolari di campeggi, segnali positivi dal settore balneare.

Conclusa positivamente la 30^ edizione del Salone internazionale dell’esterno a Rimini Fiera, gli organizzatori danno le prime indicazioni sui temi vincenti della kermesse.

L’internazionalità, anzitutto, frutto di una grande operazione di ricerca, selezione e invito di delegazioni d’affari da tutto il mondo, che hanno partecipato a oltre 1.500 incontri di affari ufficiali.

Secondo le prime proiezioni sui visitatori, è cresciuto molto il dato relativo ai progettisti e agli architetti, sempre più interessati alle proposte di SUN e certamente attratti dal nuovo percorso espositivo Garden SUN, dedicato all’incontro tra l’offerta dell’eccellenza florovivaistica e la domanda del mondo della progettazione pubblica e privata su grande scala, e destinato a crescere nel tempo.

Cresce anche il comparto riservato al mondo del turismo all’aria aperta, Camping&Village Show. Uno sviluppo in linea coi dati diffusi da Faita Federcamping proprio nell’ambito della manifestazione, dati relativi al consuntivo della stagione turistica all’aria aperta in Italia, chiusosi con un buon +3%. Un afflusso crescente, quindi, di titolari di strutture ricettive open-air.

Buon afflusso e da tutta Italia anche nel balneare, nonostante le incertezze che il settore accusa a causa della direttiva Bolkestein non ancora regolamentata.

Si è anche registrato un notevole interesse per gli eventi, le installazioni, i convegni e i workshop: i temi balneari sono stati seguiti con grande attenzione e partecipazione, così come il ciclo di incontri promosso da Paysage-Architettura del paesaggio, riservato ai temi della progettazione su larga scala e pendant culturale ideale per il nuovo settore Garden SUN; le installazioni SensorialE nella Hall centrale, le ambientazioni outdoor sotto la Cupola della fiera, il grande bosco nel pad. A3 e la mostra dei vincitori del concorso di design SUN.Lab hanno coinvolto, affascinato e attratto migliaia di operatori del settore.

 

Siamo soddisfatti – affermano gli organizzatori di Fiere e Comunicazioni e Rimini Fiera- perché il SUN ha dato evidenti segni di freschezza organizzativa e lucidità commerciale. Invece di soffermarci sullo sviluppo della fiera nei suoi primi 30 anni di vita, abbiamo investito – e di questo gli espositori si sono resi conto – nella internazionalità dei visitatori, nella diversificazione e ampliamento del target professionale del pubblico, nella crescita, ben evidente, di alcuni comparti e nella creazione di un nuovo percorso espositivo. Infine, l’inaugurazione domenicale, altra novità di questa edizione, si è rivelata molto positiva”.