RICK OWENS// Subhuman Inhuman Superhuman

Pubblicato il Di in Eventi

Dal 15 dicembre 2017 al 25 marzo 2018 la Triennale di Milano presenta Subhuman Inhuman Superhuman, la prima retrospettiva in assoluto dedicata al visionario stilista e furniture designer  Rick Owens, proposta dalla curatrice del settore moda della Triennale di Milano Eleonora Fiorani.

La mostra, che esplora e celebra l’universo creativo di Owens, sarà presentata come un Gesamtkunstwerk, con una selezione di pezzi provenienti dai suoi archivi di moda, arredo, film, opere grafiche, pubblicazioni, insieme a una monumentale installazione scultorea.

Owens, statunitense residente a Parigi, diviene in questa esposizione autore della sua stessa narrativa e, esplorando l’evoluzione della sua creatività, racconta eloquenza, innovazione, grazia e sofisticata raffinatezza del suo lavoro.

Usando un approccio inclusivo, dolce ed empatico come punto di partenza, Owens mette in discussione i concetti di bellezza e accettabilità all’interno della nostra società. Influenzato da poeti e artisti come Stéphane Mallarmé, Alessandro Manzoni, Pierre Molinier, Marcel Duchamp, Carol Rama ed Eileen Agar, lo stilista integra la loro prassi con la sua sensibilità punk e anarchica.
La sua opera esplora i parametri di ciò che è generalmente definito e accettato come bello, facendo implodere credenze comuni e perbenismo e, al tempo stesso, contrastando ogni moralismo.

Nato a Porterville, California, Rick Owens ha lanciato nel 1994 la linea che porta il suo nome. la sua prima sfilata a New York è stata sostenuta da Anna Wintour e Vogue USA. Nel 2003 si è trasferito a Parigi, città che è diventata il centro operativo della sua attività. Nel luglio 2005 Owens ha presentato una collezione di arredi realizzati in compensato grezzo, marmo e corna di alce americano, collezione che è stata esposta al Musée d’Art Moderne di Parigi e al Museum of Contemporary Art di Los Angeles.

Nel giugno 2017 è stato insignito dal Council of Fashion Designers of America con il Lifetime Achievement Award, dopo aver già conseguito nel 2002 il Perry Ellis Award for Emerging Talent.
Nel 2007 era stato invece premiato con il Cooper-Hewitt National Design Award e il Fashion Group International Rule Breaker Award.

 

 

Foto crediti: OWENSCORP