Giardini contemporanei a Camogli: progetta installazioni artistiche verdi, fiorite o “zen”

Pubblicato il Di in Concorsi

ASCOT Associazione Commercianti ed Operatori turistici e CIV Centro Storico Camogli, in sinergia con il Comune di Camogli, Assessorato all’ambiente e lavori pubblici, Assessorato al Turismo ed in stretta collaborazione con l’architetto Maurizio Canessa, responsabile area tecnica e ambiente, con il patrocinio dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Genova, Fondazione Italiana di Bioarchitettura® e antropizzazione sostenibile dell’ambiente e Camera di Commercio di Genova, propongono per il mese di settembre, l’organizzazione di un evento che punterà l’attenzione sul tema del verde e del paesaggio sostenibile incentivando il comparto produttivo, ricettivo ed economico al termine dell’alta stagione turistica. Il Concorso e l’evento (prima, durante e dopo lo svolgimento) saranno supportati da attività di ufficio stampa e di comunicazione; da pianificazioni pubblicitarie sui mezzi ritenuti più idonei e da appositi elementi di comunicazione esposti nelle più frequentate vie e piazze di Camogli.

Giardini contemporanei a Camogli Camogli, sabato 26 e domenica 27 settembre 2020 (nel caso di previsioni meteorologiche sfavorevoli l’evento sarà posticipato a sabato 4 e domenica 5 ottobre)

Premessa L’evento vuole creare attenzione sul tema dell’ambiente e del verde e di come la sostenibilità ambientale possa partire anche da azioni consapevoli del singolo individuo.

Camogli, una delle più famose località turistiche della Liguria nella riviera di levante nota anche come “borgo marinaro dei mille bianchi velieri”, vuole trasmettere questo messaggio attraverso l’estro di coloro che hanno la capacità e la sensibilità di interpretare il verde con la realizzazione di un progetto ambientalmente sostenibile.

Una vera e propria ondata di verde

che dalla panoramica “terrazza delle scuole” in via XX Settembre arriva in piazza Schiaffino e scende lungo via Repubblica, lambendo le piccole e caratteristiche rientranze e piazzette.

In tal senso ci aiuta la Bioarchitettura, che con i suoi pilastri fondamentali invita ad atteggiamenti ecologicamente corretti nei confronti dell’ecosistema, quali:

  • Creare luoghi significativi per aiutare l’uomo ad abitare nel rispetto del genius loci – lo spirito del luogo.
  • Utilizzare materiali e tecniche ecocompatibili preferibilmente appartenenti alla cultura e alle tradizioni locali.
  • Salvaguardare l’ecosistema.
  • Impiegare le risorse naturali (acqua, vegetazione, clima).
  • Privilegiare la qualità della vita e il benessere psicofisico dell’uomo.
  • Non causare emissioni dannose (fumi, gas, acque di scarico, rifiuti).

Partecipa al concorso per realizzare ed esporre la tua creazione.

L’ammissione fra i 15 progetti selezionati darà diritto ad esporre ed allestire il proprio progetto alla mostra.

Tutti gli elaborati iscritti al bando, selezionati e non:

  • Saranno riprodotti ed esposti in una galleria fotografica lungo le balconate della panoramica “terrazza delle scuole” in via XX Settembre, spazio in cui anche gli autori che non rientrano fra i selezionati, potranno incontrare il pubblico, appassionati e interessati.
  • Rimarranno nella disponibilità degli Enti organizzatori per eventuali utilizzi nell’ambito di altre manifestazioni o realizzazioni all’interno del territorio comunale.

L’accesso dei visitatori all’esposizione è libero e gratuito.