Un “Archimbuto” per il Padiglione Italia: Su disegno di Cino Zucchi, la trevigiana De Castelli realizza il portale del Padiglione Italia della 14. Mostra Internazionale di Architettura di Venezia

Pubblicato il 1 giugno 2014 Di

Disegnato dall’architetto milanese Cino Zucchi e realizzato e sponsorizzato da De Castelli, arriverà direttamente dalla provincia di Treviso l’elemento esterno di maggiore impatto dell’atteso Padiglione Italiano alla ormai prossima 14. Mostra Internazionale di Architettura di Venezia.

Cino Zucchi – curatore del Padiglione su incarico del MiBACT – ha infatti progettato un grande portale in Cor-ten acidato. Il portale, affettuosamente chiamato “Archimbuto” per la sua forma che risuona con lo spazio esistente e accoglie i visitatori alla mostra, valorizza le potenzialità espressive del metallo, con l’individuazione di una speciale finitura che esalta il tipico spettro cromatico – compreso tra grigio, marrone e bluastro – del ferro.

 

Archimbuto_03

Il progetto sigla l’ulteriore sviluppo della profonda sintonia tra architetto milanese e azienda veneta all’origine, due anni fa, dell’installazione ‘Copycat. Empathy and Envy as form-makers’ realizzata nell’ambito della 13. Biennale di Architettura, unico progetto italiano segnalato con Menzione d’Onore dalla giuria internazionale della mostra.

Quest’anno, De Castelli trova con il portale disegnato da Zucchi non solo un’eccezionale location espositiva – alle spalle delle seicentesche Gaggiandre sansoviniane dell’Arsenale e poco lontano dalla straordinaria, metallica gru idraulica ottocentesca da poco restaurata dal MiBACT -, ma anche l’ulteriore impulso per proseguire l’indagine delle ampie possibilità espressive del metallo attraverso l’innovazione dei processi produttivi artigianali, che da sempre costituisce la caratteristica fondamentale dell’azienda fondata a Cornuda da Albino Celato.

Azienda che, pur valorizzando una tradizione familiare che vede ben tre generazioni di fabbri, ha infatti scelto di discostarsi dalle modalità correnti di lavorazione del metallo allo scopo di offrirne una percezione assolutamente contemporanea, che alla scala architettonica e del design affina insieme le più evolute frontiere industriali del settore e le abilità artigianali proprie della pedemontana veneta, innovando finiture e processi produttivi anche grazie alla collaborazione con celebri designer italiani e internazionali.

Il grande portale curvilineo del Padiglione Italia funzionerà da ‘amplificatore visivo’ introducendo i visitatori alla mostra curata da Zucchi, che con il titolo ‘Innesti_Grafting’ approfondirà le ripercussioni della modernità in ambito italiano, come suggerito ai Padiglioni Nazionali dal direttore della Biennale 2014 Rem Koolhaas.

Ancorato a una platea di cemento, costituito da ben 163 pannelli per un’altezza complessiva di 10 metri e un peso di 6 tonnellate, il portale rappresenta dunque anche la concreta esplicitazione del titolo della mostra: un ‘innesto’ della creatività contemporanea negli antichi e bellissimi spazi dell’Arsenale, e insieme un ‘link’ di connessione tra interno ed esterno, dimensione pubblica dei percorsi di visita e fruizione più appartata e riflessiva della mostra.