Artek presenta la Collezione Kaari di Ronan & Erwan Bouroullec al Salone del Mobile

Pubblicato il 12 maggio 2015 Di

In occasione dell’edizione di quest’anno del Salone Internazionale del Mobile a Milano, Artek presenta Kaari, la prima collaborazione di Ronan & Erwan Bouroullec con l’azienda di design finlandese. La Collezione Kaari, concepita intorno ad un elemento costruttivo semplice ma geniale, propone tavoli rettangolari e rotondi in due misure, una scrivania, una console a muro, una piccola mensola tonda e altre più grandi. Kaari Collection Design Ronan & Erwan Bouroullec, 2015 Le sedie sono oggetti mobili dalla personalità molto versatile: hanno gambe, braccia, uno schienale e innumerevoli forme espressive. I tavoli, d’altro canto, sono elementi architettonici: statici, stabili, immobili. Mentre esistono centinaia di sedie memorabili, la storia del design annovera soltanto pochi tavoli. La funzione di un tavolo è sempre la stessa: un piano orizzontale posizionato ad un’altezza specifica. Dalla metà del secolo scorso, sono cambiati molto poco i materiali, che si sono dimostrati adatti per i tavoli. Ma il tavolo è davvero un’entità così banale? Per un bambino può trasformarsi in una casa. La sua tipica funzione sociale è quella di riunire le persone, pur mantenendole ad una certa distanza fra loro. Il tavolo è un elemento fondamentale della casa, talmente fondamentale ed essenziale che nell’era del modernismo, con la straordinaria trasformazione della sedia e la nascita di nuove tipologie, il tavolo ha subito solo cambiamenti minimi. Ciò premesso, non è compito facile sviluppare l’idea di un nuovo tavolo – per non parlare di un sistema di tavoli – che sia allo stesso tempo pratico e unico. Eppure questo è stato l’obiettivo di Ronan e Erwan Bouroullec con Kaari (che in finlandese significa ‘arco’), il loro nuovo sistema di tavoli per Artek. L’idea del designer era quella di creare un prodotto coerente con Artek e al tempo stesso nuovo – quindi senza riferimenti espliciti ai prodotti storici di Artek. Ronan e Erwan Bouroullec hanno sviluppato un certo numero di proposte. Già in fase di presentazione iniziale, una si distingueva dalle altre: una gamba di tavolo innovativa, o più precisamente, una costruzione sistematica per gambe in grado di sostenere un’ampia gamma di piani differenti: piccoli e grandi, tondi e rettangolari, bassi e alti. Fin da subito ci si è resi conto che lo stesso sistema poteva anche essere utilizzato per costruire oggetti pensili, come singole mensole su staffe e intere scaffalature.

Il principio è estremamente semplice: il peso verticale è sostenuto da una parte in legno. Il supporto in acciaio piegato è usato per fornire un sostegno diagonale elegante e trasparente. L’interazione tra la parte verticale solida e quella in metallo dà alla base un aspetto sorprendentemente leggero e crea una particolare silhouette lineare. Quando si posiziona un certo numero di tavoli in una stessa stanza si produce un effetto ritmico, rendendo apparentemente in movimento un mondo di tavoli altrimenti statico. Chi guarda questi tavoli ha la sensazione di vedere qualcosa di completamente nuovo. E’ interessante però che questa impressione non scaturisca dall’uso di nuovi materiali o di una nuova tecnologia. Sia il legno che i supporti in acciaio sono materiali tradizionali e rappresentano una parte fondamentale del patrimonio Artek – tuttavia non sono mai stati abbinati in questo modo. Il linoleum e il laminato lucido, scelti come materiali per le superfici, assorbono o riflettono la luce in modo molto diverso. Con l’utilizzo nel tempo dei tavoli, questi materiali assumeranno una patina suggestiva. Oltre ai tavoli rettangolari e rotondi in due diverse misure ciascuno, la Collezione Kaari include una scrivania, una console a parete, una piccola mensola rotonda e un assortimento di grandi mensole a muro. Oltre all’attenzione per il materiale, il concetto di sistema è decisamente presente nella storia di Artek. Così come Aalto ha usato la gamba a L come sostegno per una vasta gamma di tavoli, sedie, sgabelli e contenitori, i Bouroullecs combinano il legno massello con i supporti d’acciaio per creare una base a colonna per tavolini tondi, gambe simmetriche a forma di ali per tavoli rettangolari più grandi e gambe con un sostegno unico a forma di ala su un solo lato per le scrivanie. Lo stesso principio è anche applicato ai tavoli a muro e alle mensole. Nonostante l’affinità con la tradizione di Artek, Kaari ha creato un’estetica propria, che si distingue dal classico design di Artek.