BERTOLOTTO PORTE Le porte dell’azienda piemontese al Rifugio Carlo Mollino di Gressoney (AO).

Pubblicato il 8 febbraio 2015 Di

Il progetto Casa Capriata nacque da un’idea di Carlo Mollino per la X Triennale di Milano del 1954. Dopo più di mezzo secolo in Valle d’Aosta, grazie al Comune di Gressoney Saint Jean in collaborazione con il Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino, questa casa ideale ha finalmente preso forma nel Rifugio Carlo Mollino.

Bertolotto Porte, leader nella produzione di porte da interno, esterno, REI e blindate, è uno dei fornitori ufficiali. L’edificio collocato a quota 2050mt è posizionato sulle piste del Weissmatten e rientra nella valorizzazione del comprensorio sciistico Monterosa Ski.

L’architettura che si sviluppa su un modello originario di sessant’anni fa vuole evidenziare il valore e l’attualità del progetto. Il rifugio è infatti realizzato a basso consumo energetico con tecniche innovative a livello impiantistico, in grado di eliminare il fabbisogno di combustibile fossile.

In qualità di partner tecnico dell’iniziativa Bertolotto Porte è stata onorata di far parte di questo progetto di ricerca. Una testimonianza tangibile della crescita dell’azienda che, accanto ad un’espansione commerciale a livello internazionale, dimostra sempre più di voler essere parte attiva nella sfera culturale del proprio territorio.

L’iniziativa infatti, partita nel 2008, ha coinvolto Istituzioni, Università e numerosi partner tra aziende e professionisti che insieme hanno lavorato in sinergia per concretizzare questo edificio seguendo i criteri progettuali indicati dal famosissimo architetto Carlo Mollino.