Accordo per il design ceramico

Pubblicato il 10 giugno 2013 Di

Confindustria Ceramica (l’Associazione dei produttori italiani di piastrelle, refrattari, sanitari, stoviglierie e ceramica per usi industriali) e Acimac (Associazione Costruttori Italiani Macchine e Attrezzature per Ceramica) hanno siglato lo scorso 21 maggio un protocollo d’intesa in materia di tutela della riservatezza e dell’originalità del design ceramico che verrà adottato da tutte le aziende associate.Una firma di notevole importanza perché, per la prima volta, sancisce un accordo tra clienti e fornitori su un tema altamente strategico.

Per le aziende italiane produttrici di piastrelle, infatti, la tutela della proprietà intellettuale e del know-how del design correlato al prodotto ceramico rappresenta sempre più un valore e un importante vantaggio competitivo sia sul mercato italiano sia su quelli internazionali.Soprattutto con la rapida diffusione delle tecnologie di decorazione digitale, e quindi della digitalizzazione dei progetti di design, i rischi connessi alla loro maggiore facilità di accesso impongono una maggiore regolamentazione a tutela sia delle aziende ceramiche clienti sia degli studi di design fornitori dei progetti.

Per questo, in base all’accordo firmato da Armando Cafiero, direttore generale di Confindustria Ceramica, e Paolo Gambuli, direttore generale di Acimac, le aziende aderenti al Raggruppamento “Studi di Design Ceramico” di Acimac si impegnano a trattare con la massima riservatezza il progetto grafico e i relativi file realizzati per le aziende ceramiche clienti, vietandone ogni indebita riproduzione o manipolazione, anche attraverso l’attivazione di apposite procedure interne atte a prevenire acquisizioni di progetti grafici da parte di propri dipendenti, collaboratori, conto/terzisti, ecc. Si impegnano inoltre ad assicurare all’azienda ceramica cliente l’esclusività del progetto grafico fornito, garantendo la massima riservatezza su tutte le informazioni di carattere tecnico e non ricevute dall’azienda ceramica cliente.

Le aziende ceramiche aderenti a Confindustria Ceramica si impegnano a loro volta a garantire la massima riservatezza su tutte le informazioni ricevute dallo studio di design e a non divulgare o registrare i progetti/prodotti a loro forniti in visione dagli studi di design ceramico.