Create your mood: presentate le idee degli studenti per il contest di Aster e NABA. In giuria, annunciati i nomi di Andrea Castrignano e studio Dot Dot Dot.

Pubblicato il 7 febbraio 2015 Di

Dopo il lancio avvenuto lo scorso novembre, il progetto “Create your mood” arriva al suo primo giro di boa. A metà gennaio Aster ha incontrato gli studenti di NABA, Nuova Accademia di Belle Arti Milano nel flagship store di via Larga 4, dove ognuno dei diciotto candidati ha presentato e discusso con l’azienda il mood scelto per interpretare il mondo della cucina secondo l’inedito approccio inaugurato da Aster.
Diciotto concept e altrettante atmosfere che presto prenderanno la forma di veri e propri progetti, destinati a raccontarsi al pubblico in una mostra-evento durante il prossimo Fuorisalone nello showroom Aster Milano Duomo.

E se dunque la design week è ancora lontana, le prime suggestioni fornite dai giovani creativi hanno dimostrato l’alta qualità del lavoro svolto e attualmente in corso. Idee fresche e originali che hanno tutte le carte in regola per proiettare l’ambiente cucina su nuovi orizzonti: rileggendone l’uso sociale e individuale, l’interazione con le tecnologie del Web 3.0, il significato in rapporto alla tradizione, l’esigenza di recuperare una dimensione naturale del rapporto fra uomo, cibo e ambiente.

Provenienti dal biennio specialistico in Product Design e dalle più svariate nazionalità, gli studenti sono coordinati per tutta la durata del contest da Mario Trimarchi per Naba e dall’architetto Lorenzo Granocchia per Aster. Obiettivo: ideare uno spazio che, attraverso la lettura originale degli elementi compositivi (materiali, finiture, accessori) e delle atmosfere di Aster (Factory, Luxury, Transitional, Classico, Moderno), sia in grado di raccontare un nuovo concetto di cucina, assolutamente unico e personale.
Tutti gli elaborati finali avranno in comune, però, due dettagli decisamente high-tech e ad alto tasso di eleganza: un piano a induzione con sistema di aspirazione integrato Bora (distribuito in Italia da Frigo 2000) e un sistema di illuminazione FontanaArte. Partner tecnici del progetto, l’azienda tedesca e lo storico brand made in Italy si sono prestati a fornire agli studenti ulteriori spunti per inedite soluzioni estetiche e funzionali.
A firmare il verdetto finale, con i nomi dei migliori tre elaborati, sarà una giuria presieduta da Lorenzo Granocchia e composta da riconosciuti professionisti dell’interior design, fra cui Andrea Castrignano e lo studio Dot Dot Dot.

Intanto, man mano che si avvicina il traguardo, saranno gli stessi studenti a raccontare i propri progetti dal sito dedicato www.createyourmood.it e condividendo il work in progress anche sui social – prima fra tutti, la pagina Facebook “Aster Cucine”- tramite foto, immagini e descrizioni.
A seguire il progetto fin dal suo avvio, il network Design Diffusion ne ha raccontato gli sviluppi con un costante aggiornamento attraverso tutti i suoi canali fra carta stampata, portale, web tv e social network.
“Già solo in questa fase preliminare – riconosce Paolo Zonghetti, marketing manager di Aster – il confronto è stato estremamente utile per entrambi: per gli studenti, che hanno potuto capire come trasferire un concetto in una realizzazione vera e propria, e per l’azienda, che ha constatato il successo ma anche la possibile evoluzione di un approccio “personal mood” ancor più modulabile in termini di materiali, soluzioni e destinazioni, al servizio delle idee”.