A’ Design Award: fatti contagiare dalla creatività

Pubblicato il 15 settembre 2017 Di

La creatività può essere contagiosa, ed è un bene, perché quando si inizia un nuovo progetto è fondamentale cercare ispirazione guardando i progetti di altri.

Sfogliando i vincitori di A’ Design Award, il concorso internazionale  rivolto ad  aziende, progettisti e innovatori di si trovano tanti progetti di qualità che spaziano in tutti i campi del design.

Obiettivo di  A ‘ Design Award e  fornire “una piattaforma equa, etica e competitivo”, una vetrina internazionale in cui è compito di una prestigiosa giuria internazionale selezionare i progetti vincitori. Sul sito, si trovano tante idee senza limiti alla creatività: grafica, architettura, interior design, fashion e non solo.

 

C’è la sezione dedicata al Packaging Design , qui uno dei progetti più recenti è  Embossed Nutella Jar Jar ossia il barattolo Bormioli con il logo della celebre crema spalmabile progettata da  MrSmith Studio.

Da un tipo prodotto italiano ad un’altro: la pasta. Protagonista di  Pasta Nikita  nell’ironica proposta di Nikita Konkin, dove le forme di spaghetti, maccheroni ed altri, contribuiscono a creare originali acconciature.

Tra le categorie più interessanti di A’ Design Award  c’è la sezione Product Design. Qui è facile  trovare qui progetti originali. Come Changeable Chair Chair di  ShockWave Design Studio. Una sedia versatile dotata di una sorta di scatole utili piani d’appoggio per chi si siede.

 

Non manca la poesia,  che si ritrova in progetti come Shallows Vase di  Kazunaga Sakashita. Un vaso di cristallo che gioca con le trasparenze.

Come fa anche Bolina Room Divider di  Alessandra Meacci, un progetto di cui vi avevamo parlato tempo fà. Questo è un arredo che funge da  divisorio e che può essere smontato, composto e trasportato con facilità. Perfetto per rispondere alle esigenze di una casa moderna come un open space, dove separare usando l’arredo è la soluzione ottimale.

Risponde a specifiche esigenze di spazio anche il mobile minimale e contemporaneo di  Ivan Gorozhankin Home Cabinet BOX. Un mobile che quando è chiuso ha un aspetto rigoroso ma l’interno  nasconde un piano lavoro, ripiani e mensole utile ad esempio come scrivania.

 

Tra le oltre 100 categorie di A’ Design Award ce ne è una dedicata  alle lampade, dove di grande ispirazione troviamo Bubble Table Lamp di Tiago Curioni . Premiato con il Golden A’ Lighting Products and Projects Design Award in 2017. La lampada Bubble è fatta da un blocco solido di un marmo con asta di ottone poggiato su un anello in ottone che consente la rotazione dell’asta e il posizionamento casuale in modo che possa muoversi in direzioni verticali, orizzontali, angolate, in alto o in basso.

 


La ricerca di materiali è una caratteristica anche di Halo Lamp di  Matthew McCormick. Questa lampada a sospensione consente di creare composizioni spaziali, un sistema modulare con varie composizioni possibili. Questi elementi sono disponibili in ottone, rame, nichel o  oro 24 carati.


C’è anche chi della lampada propone la multifunzionalità, è il caso di LightCube di DesignNest Bv. LightCube può essere collegato direttamente a qualsiasi presa di corrente. Dotato di sensori a infrarossi, è possibile accendere / spegnere agitando la mano vicino al LightCube e sfiorando con la mano si regola anche la luminosità. Quando viene utilizzato con Tulip LightShade, può essere posizionato in modi diversi. Ad esempio ad un angolo di 30 gradi per leggere un libro. In combinazione con altri  accessori come LightStand e LightFix, può essere utilizzato come lampada da terra, lampada da tavolo o da soffitto e può anche essere portatile, in quanto può contenere una batteria interna ricaricabile che dura 7 ore.

Ma vincitore della sezione Lighting Products and Projects nell’edizione del 2016/2017 è stato Heaven is a Place on Earth Swarovski Veil di Regina Dahmen Ingenhoven. Un  velo sofisticato completato nel 2008  realizzato per i lavori di Swarovski a Wattens, in Austria. Il velo trasforma la Swarovskistraße in un viale luminoso un  percorso segnato dalla sagoma velata, un gioco poetico, di luce e di ombre.

Anche in architettura non mangano progetti di largo respiro sicuramente di grande ispirazione. Tra questi ci sono Punjab Kesari Headquarters Office di Studio Symbiosis o la visionaria Gallery in Kiyosato, villa con spazio espositivo firmata da Satoshi Okada architects.

 


La selezioni  per la nuova edizione di A’ Design Award sono aperte, pronti ad accogliere le  proposte che saranno d’ispirazioni ai creativi di tutto il mondo. Partecipando con un vostro progetto potrete anche vincere  il prestigioso  A’ Design Award Trophy, per saperne di più su questo premio visitate il sito.