Dream House di Simone Micheli al SUN 2015

Pubblicato il 7 ottobre 2015 Di

DREAM HOUSE è un modulo abitativo intelligente e d’avanguardia progettato da Simone Micheli, ideato ed ingegnerizzato da Mauro Orsi che verrà presentato in anteprima al SUN (Rimini Fiera 8-10 ottobre 2015), quest’anno per la prima volta in contemporanea a TTG Incontri – la più importante fiera b2b del turismo in Italia e Sia Guest – il Salone dell´Ospitalità.

 

DREAM HOUSE è un progetto di architettura perfettamente integrato, pensato per essere posizionato in ogni luogo possibile; ogni dettaglio, studiato con certosina attenzione, acquista valore attraverso le relazioni profonde, mutevoli ed incessanti che stabilisce con l’insieme. Un unicum organico mobile che, adattabile ad ogni dimensione, rivela la sua essenza aprendosi all’ambiente circostante.

 

Una struttura polifunzionale che combina abilmente l’essere risposta interattiva alle esigenze quotidiane dell’uomo contemporaneo con i tratti e gli ideali del design di lusso.  Dotata di ogni comfort e personalizzabile in base alle differenti necessità e desideri dei suoi abitanti rappresenta l’ultima innovativa frontiera nel mondo dell’accoglienza, per chi aspira a vivere esperienze di estremo lusso ed agio, immergendosi intensamente nello spazio naturale. Avanzati sistemi domotici permettono una gestione totalmente smart dell’abitazione, garantendo stati di benessere d’alta qualità a chi vi soggiorna. Nulla è lasciato al caso, si tratta di vivere un’esperienza estetica completa, d’eccezionale valore, estremamente distintiva non soltanto segnicamente ma soprattutto dal punto di vista contenutistico.

DREAM HOUSE è la casa dei sogni, in grado di cambiare camaleonticamente pelle accordandosi con il variare di desideri, delle circostanze, delle necessità; un simbolo dal denso significato da voler possedere.

La struttura di 40 mq è costituita da una generosa zona veranda, un’ampia area living/kitchen, due camere da letto, due bagni; molteplici sono gli optional che è possibile aggiungere seguendo la volontà del cliente.

 

I tratti contemporanei e fluidi, i piani lineari dagli angoli smussati, le superfici riflettenti, i giochi a cui la luce dà vita e la forma esterna scevra da superflua sostanza, intimamente si fondono con l’essenza dell’atto creativo che ha condotto alla formulazione del progetto ed alla sua effettiva realizzazione, mostrando all’osservatore l’eterno e chiaro significato dell’abitare. Le trasformazioni sociali in atto esasperano il senso di incertezza e accentuano l’isolamento dell’individuo che, sradicato, con sempre maggiore difficoltà dialoga con il proprio spirito.

 

La progettazione urbana ed architettonica corrente deve interiorizzare il nuovo bisogno di comunità dando vita a soluzioni abitative originali tese a favorire la partecipazione degli individui, lo scambio tra l’uomo e l’ambiente ad esso circostante, il recupero della propria identità perduta. Il gesto, apparentemente banale, di uscire e di tornare a casa è in realtà caratterizzato da profonde significazioni: permette infatti all’individuo di venire fuori dal proprio guscio aprendosi agli altri e contemporaneamente concede, al ritorno, riposo e sollievo all’uomo che desidera lasciarsi andare nella propria intimità.

Una abitazione è quindi ben progettata quando è accogliente, invitante ed intima, quando design ed architettura sapientemente si armonizzano, originando un’atmosfera intensa, confortevole, piacevole e gioviale che appare vivida e personale. DREAM HOUSE risponde perfettamente all’esigenza di ciascun essere umano di sentirsi accolto e benvoluto come a casa, in ogni luogo.