FranchiUmbertoMarmi

Pubblicato il 9 agosto 2014 Di

Il concept design alla base del nuovo spazio espositivo di  franchiumbertomarmi , nasce dall’esigenza dell’Azienda di intraprendere un cammino all’interno dello spazio abitativo domestico.
franchiumbertomarmi ha iniziato insieme a paolo armenise e silvia nerbi il  suo percorso nel design partendo dall’arredo urbano e sviluppando il concetto del marmo lavorato direttamente da blocco.
E’ stato cosi che nacquero diversi elementi fra cui spiccavano i vasi di grandi  formato in cui la tecnologia e la manualita’ degli artigiani si  confrontavano con nuove forme del design ispirate anche alla tradizione  classica.
Il percorso di franchiumbertomarmi nell’ambito del design continuava poi con la creazione di elementi di arredo da giardino:  il comune denominatore era sempre partire direttamente dal blocco di cava e assecondandone le forme al fine di creare oggetti unici capaci di emozionare.

 

resize_imm (12)
Quest’anno franchiumbertomarmi entra nelle case e, con la stessa sensibilita’, si confronta sui temi dell’abitare; a tale scopo viene progettata una sorta di villa urbana aperta su due lati, al cui interno si sviluppano le diverse funzioni del vivere quotidiano.
In un giusto equilibrio tra architettura e design si sviluppa la zona giorno con, al primo posto, la zona pranzo, in cui l’armonia e la leggerezza dei tavoli in marmo bianco statuarietto Gioia , sorretti da una struttura in ottone lucido, dialoga con la massa leggera del camino la cui cappa in zebrino bianco si sospende fino ad elevarsi nel cielo. Il braciere è formato da un semplice taglio nella pietra da cui esce una  fiamma libera.
Il piano della cucina in Calacatta fa da filo conduttore in tutto il percorso attraversando la zona giorno , la zona bagno e una piccola zona giardino che completa la visione domestica del vivere contemporaneo
La pavimentazione e’ formata da strisce di pavimentazione in pietra di  grandi formati e di finiture e tipologia diverse.
Nella sala da bagno la zona  doccia e’ formata da lastre in marmo Manhattan Gray che dal pavimento girano a parete a formare un unico disegno;frontalmente sorretto da una partete di breccia portofino ,spicca  scultoreo il lavabo in calacatta.
La sinuosita del lavabo asseconda le venature del marmo divenendo parte  del disegno , il marmo seppur alleggerito della sua massa si eleva a  protagonista assoluto celando dietro di se ogni funzione. La grande intuizione sta nell’avere progettato un unico elemento che accolga sia la funzione di raccogliere l’acqua sia quella di generarla, infatti il sistema elettronico  di apertura dell’acqua fa si che quasi magicamente l’acqua sgorghi dal nulla per scendere a cascata direttamente dal marmo.