FRIUL MOSAIC AL MARMOMACC CON GUMDESIGN

Pubblicato il 7 agosto 2014 Di

“LA CASA DI PIETRA – Racconti emersi”. Questo è il nome del progetto con il quale Friul Mosaic sarà presente al Marmomacc di Verona in una nuova ambiziosa collaborazione con Gumdesign.
IL PROGETTO
“LA CASA DI PIETRA”, nuovo progetto nato dalla rinnovata collaborazione tra Friul Mosaic e Gumdesign, è il risultato di un sapiente gioco di texture e colori, accuratamente
studiato dalle due realtà per offrire allo spettatore un percorso sensoriale volto a far riemergere antiche emozioni.
Friul Mosaic, attiva da oltre 30 anni nel campo del mosaico artistico, con questa iniziativa coglie una nuova sfida: non saranno utilizzate solo tessere di forma quadrata per creare i pannelli – come consuetudine e tradizione -, ma ciascuna mattonella prenderà vita grazie all’accostamento di piccoli tasselli in marmo colorato di forma rettangolare, pentagonale, triangolare e trapezoidale.Ogni trama, accuratamente studiata per offrire un effetto visivo impareggiabile, sarà realizzata in un preciso colore e disegno geometrico dato dal particolare assetto delle forme. L’accostamento delle singole piastrelle creerà infine una sfumatura unica che accoglierà i visitatori in una vera e propria narrazione della storia dell’uomo.“LA CASA DI PIETRA” è un progetto ricco di significati oltre che impregnato di lucida creatività e impareggiabile maestria artigiana.
La CASA rappresenta le radici, la memoria; la PIETRA, l’immaginazione.
LA “LA CASA DI PIETRA” vuole presentarsi quindi come uno spazio ancestrale, eco e contenitore del mondo di tutti: il focolare.
L’uomo è da sempre affascinato dalla pietra e dalle sue virtù mistiche, magiche. La casa è invece interpretata come luogo sicuro, che garantisce protezione, un vero e proprio punto di riferimento sin dai remoti tempi delle caverne, uno spazio capace di riflettere in maniera semplice e immediata il “mondo” di ciascuno.Ecco che “LA CASA DI PIETRA” si mostra come un racconto per immagini. Uno spazio che racchiude e comprime il tempo attraverso la memoria e l’immaginazione dalla forma iconica della casa; un allestimento che si sviluppa lungo un nastro rivestito da tessere di mosaico definiscono lo spazio abitativo. Al centro i ceppi di lavorazione, case/incudini in acciaio capaci di generare il mosaico artistico; uno spazio vuoto per raccontare un
percorso che conduce alla “partenza”.