Il profilo internazionale nel settore del design e in quello immobiliare

Pubblicato il 25 maggio 2018 Di

In un mondo globale e iper-connesso come quello dei giorni nostri .è sempre più fondamentale riuscire ad aprirsi ai mercati internazionali. Questo vale per tutti settori e quindi anche per quello del mobile e dell’arredo. Ne è  un esempio significativo il Salone del Mobile di Milano, la fiera internazionale che ogni anno accoglie migliaia di visitatori da tutto il globo. Per poter essere presenti in Fiera e sfruttare al massimo l’evento, le aziende devono essere sempre  pronte a presentare i loro nuovi prodotti ai possibili acquirenti internazionali. Brochure e cartelle stampe ad esempio devono essere supportate da traduzioni professionali, trattandosi nello specifico di un settore molto tecnico.

Non di minore importanza ovviamente è la conoscenza delle lingue. Se si parla di numeri ad esempio proprio al Salone del Mobile recentemente concluso, sono state registrate “434.509 presenze, in 6 giorni, provenienti da 188 paesi, con un incremento del 17% rispetto all’edizione 2016, che proponeva le medesime biennali dedicate alla cucina e al bagno, e del 26% rispetto a quella 2017”.   Da ciò si comprende facilmente l’importanza e la portata di questo evento.

Salone 2018_ Courtesy Salone del Mobile.Milano photo by Luca Fiammenghi

Ma non c’è solo il Salone di Milano, le fiere come ben sappiamo sono un appuntamento fisso e si susseguono tutto l’anno in tutto il mondo.  Da Imm Cologne che si svolge appunto a Colonia, alle fiere di Messe Frankfurt come Light+Building, il Maison &Object di  Parigi, la Clerkenwell Design Week o ICCF a New York, solo per fare qualche esempio. In tutti questi contesti specifici del settore arredo, aziende e non solo, non possono farsi trovare impreparate senza le adeguate traduzioni dei  company profile aziendali e dei business plan, dei depliant e dei cataloghi per la presentazione delle nuove linee d’arredo . Una buona traduzione è fondamentale anche per il sito ufficiale, meglio se  in diverse lingue (ciò vale anche per i designer o studi di progettazione), per la redazione di documenti professionali riguardanti contratti legali, certificati, note legali. La traduzione di termini e condizioni sono  molto importanti anche e soprattutto nel caso di e-commerce, realtà sempre più in espansione anche nel settore arredo . Sempre nel caso degli e-commerce la buona traduzione di testi è indispensabile anche per la creazione di newsletter ed e-mail marketing.

 

Il design come disciplina non  pone mai confini alla creatività  è non li mette neanche fisicamente allo scambio e l’apertura al mondo globale: anzi ne è la linfa vitale. Pertanto, sapersi presentare, conoscere le lingue e avere un profilo internazionale, vale anche per i designer nel valutare opportunità di collaborazioni con aziende di tutto il mondo. Gli esempi non mancano, e questo  è uno degli aspetti più belli di questo settore.

Altro settore chiave per cui proporsi al mercato con una  traduzione commerciale  del proprio profilo  è quello immobiliare. Anche in questo caso una buona traduzione consente di  arrivare in modo efficace al cliente finale.

Aspetto chiave per la vendita o l’affitto di immobili ( ad esempio le case vacanze o la presenza su piattaforme come Airbnb), è il supporto per la traduzione professionale che diventa fondamentale in tutte le fasi, compresi i servizi di traduzioni giuridiche di contratti.

 

Anche il settore arredo ha quindi tante potenzialità ed una traduzione è la soluzione per aprirsi alle possibilità di aprire nuovi mercati.