Il progetto di Victor Vasilev per una residenza ad Avenza Carrara

Pubblicato il 25 novembre 2013 Di

Amante del dettaglio, delle linee pulite e decise, Victor Vasilev, con la collaborazione di Mattia Susani, Valerio Pascuzzi e Mauro Soldati, si è occupato della ristrutturazione di una costruzione anni ’90 sita ad Avenza Carrara, in provincia di Massa Carrara. Dall’originale costruzione, piuttosto anonima, il committente desiderava poter ricreare un ambiente essenziale e contemporaneo che fornisse tutti i confort seppur in uno spazio semplice e minimal.

Vasilev_Carrara14

 

Vasilev_Carrara11Dopo accurate analisi e valutazioni, l’architetto Victor Vasilev ha ridato identità e personalità all’edificio, riuscendo a unire complessità tecnologica e pulizia formale.
Sotto la guida della geometria, materia, luce e funzioni sono state fuse in uno spazio nel quale nulla è lasciato al caso e dove la cura del dettaglio emerge con forza, conferendo all’unità abitativa un’indiscutibile coerenza visiva e pratica.
La casa è distribuita su tre livelli.Vasilev_Carrara12
Al piano terra si apre la zona giorno. In questo spazio gli ambienti del soggiorno, della sala da pranzo e della cucina confluiscono l’uno nell’altro senza soluzioni di continuità. Gli originali dislivelli strutturali diventano quindi un’occasione unica che l’architetto Vasilev sfrutta per proporre sistemi scultorei funzionali, i quali mirano a esaltare le qualità della pietra usata per i rivestimenti. Altrettanto chiara la scelta dei materiali utilizzati: travertino classico, teak e marmo nero. La luce indiretta completa il disegno finale, creando un drappeggio unico nel suo genere.
Una serie di gradoni in pietra naturale, che paiono come sospesi nell’aria, conducono al primo piano, dove si trova la zona notte. La camera padronale è uno spazio di 40 mq nel quale non c’è una separazione netta con il bagno e la cabina armadio. Il sapiente uso delle quinte murarie, oltre a garantire una diffusione omogenea della luce artificiale, garantisce l’intimità funzionale delle differenti zone. Nel bagno la panca in travertino è l’elemento che meglio rappresenta la continuità spaziale. Il lavandino doppio che vi è appoggiato è stato realizzato su misura per poter “liberare” la vista dall’ingombrante presenza di rubinetti e degli accessori.Vasilev_Carrara15

Il piano interrato, infine, è dedicato al relax: qui si trovano la zona audio&video e uno spazio riservato al benessere. L’ampia scalinata conduce a una mini piscina, da subito la protagonista assoluta di questo spazio. Inserita nel pavimento, è delimitata da una “gola” per la raccolta dell’acqua e dispone di un sofisticato sistema di idromassaggio. Lo spazio è dotato inoltre di un hamam e di una doppia doccia.
«I committenti spesso – afferma l’architetto Victor Vasilev – vivono nel timore di trovarsi in qualche modo “costretti” a rinunciare al loro modo di vivere per poter entrare nel tempio dell’architettura domestica. Io credo che la riuscita del progetto stia proprio nella capacità di trovare soluzioni funzionali ed estetiche a tutte le esigenze e che, soprattutto, possano durare nel tempo».Vasilev_Carrara18