L’artigiano del XXI secolo

Pubblicato il 12 novembre 2012 Di

La parola Artigianato richiama da sempre alla memoria l’immagine del lavoro manuale, dell’operosa esperienza di bottega e di una quotidianità che affonda le sue radici nella tradizione.

Questa “cultura della manualità” si trova oggi a stretto contatto con le nuove tecnologie e i new media, strumenti veloci e dinamici che consentono una interazione costante degli utenti online. Da questo incontro di mondi apparentemente diversi tra loro nasce l’artigiano del XXI secolo, una nuova figura che unisce modernità e tradizione, creando qualcosa di nuovo.

L’artigianato diventa infatti sempre più web oriented e si trasforma in un’attività in grado di coinvolgere numerosi utenti in rete. Con questa partecipazione virtuale nascono vere e proprie community fatte di internauti, blogger e appassionati del web. E’ proprio in rete che l’artigianato cambia profondamente e si arricchisce con feedback e stimoli per raggiungere pubblici sempre
nuovi. Per sviluppare queste tematiche ARTEX e Toscana Promozione, con garagErasmus insieme alle associazioni di categoria dell’artigianato, hanno organizzato il convegno “L’artigiano del XXI secolo: tra cultura, tecnologia, new media e manualità” che si terrà mercoledì 14 novembre, a Villa Fabbricotti a Firenze.

 


• La giornata inizia alle ore 9,30 con l’apertura dei lavori da parte di Gianfranco Simoncini, Assessore alle Attività Produttive, Lavoro e Formazione della Regione Toscana. Alle 10 invece si entrerà nel cuore della discussione con l’intervento di ARTEX (Centro per l’Artigianato Artistico e Tradizionale Toscana): si farà il punto della situazione sull’artigianato artistico,  sottolineando quelle che sono le criticità (i problemi di comunicazione, di trasmissione del sapere e del passaggio generazionale) e illustrando come le nuove tecnologie e i nuovi media siano in grado di affrontarle.
Il Direttore di ARTEX, Alessandro Ricceri, commenterà alcuni dati aggiornati sul settore dell’artigianato in Toscana. A seguire, Simona Bonciani, consulente e docente esperta in comunicazione e web marketing e titolare dell’agenzia Noetica di Bologna, parlerà delle ultime tendenze del social media marketing e degli strumenti utili per raggiungere il proprio target, con un focus specifico sul mondo dei social network in relazione al personal branding.
• Alle ore 11 si parlerà di artigianato 2.0 con Carlo Ratti, Direttore e fondatore del MIT Senseable City Lab: si discuterà dell’utilità di eshop, blogging e di software di ultima generazione, ma anche delle potenzialità di vendita online legate allo sviluppo di tecnologie sempre nuove. Il “tecnoartigiano” dispone infatti di strumenti tecnologici per diffondere, online e off line, le sue specificità handmade: nuovi materiali, nuovi servizi web, app telefoniche e processi di produzione robotizzata sono solo alcune delle nuove strade percorribili.


• Verso le 11,30 si aprirà la tavola rotonda “Scenari di creatività contemporanea” moderata da Stefano Micelli (docente di Economia e Gestione delle Imprese presso l’Università di Venezia e autore del libro Futuro Artigiano) per un confronto diretto tra case history innovative. Partendo da realtà attive a livello italiano e internazionale si proporranno spunti concreti e specifici sul rapporto tra web, tecnologia, new media e produzione artigianale.
Interverranno:
Francesca Mazzocchi del progetto Digital Makers, realtà che si rivolge a tutti coloro che creano, innovano e fanno cultura di impresa fondendo le tendenze del web con il “savoir faire” tipicamente italiano.
– Il marchio Super Duper Hats, specializzato nella produzione di capelli fatti handmade dal raffinato stile retrò.
Fattelo!, un gruppo di designer che si occupa di riciclo creativo (come la 01 Lamp, lampada open source ricavabile da un cartone per pizza).
Giulia Tognellini, portavoce del progetto Thatsarte, piattaforma web dedicata alla vendita di ceramiche artistiche.
Elisa Delogu e Lucia Principe, fondatrici dell’atelier Pesci Pneumatici, uno studio/laboratorio bolognese dedicato al design tessile e alla creazione di prodotti eco-sostenibili con tessuti riciclati e materie prime naturali.
– Il giornalista Simone Cosimi, collaboratore di Wired.it, Style.it e del mensile Inside Art, che proporrà un focus specifico sul movimento dei maker e sull’artigianato 2.0.  L’evento è promosso da Regione Toscana, Toscana Promozione, garagErasmus, ARTEX, CNA Toscana e Confartigianato imprese Toscana.