L’eleganza e la contemporaneità di un materiale naturale per gli interni: il marmo

Pubblicato il 7 novembre 2014 Di

Estetica, funzionalità e resistenza sono fondamentali in ambito edilizio, quando si parla di realizzazioni di prestigio, destinate a durare nel tempo. Stupire, affascinare e rendere un ambiente contemporaneo sono le caratteristiche della collezione di marmi Margraf.

Il Botticino Classico e il Fior di Pesco Carnico Margraf, sono stati selezionati da Pelli Clarke Pelli Architects per il rivestimento delle pareti laterali e per la pavimentazione interna del nuovoWorld Financial Center diNew York(Tower Four South Hall, Brookfield Place). Al finedi evidenziare le qualità naturali del colore e le venature di ogni singolo materiale e di fornire maggiore luminosità a tutto l’ambiente, le lastre di Fior di Pesco Carnico e Botticino Classico sono state posate, su tutte le superfici, seguendo un ordine che vuole sembrare casuale, mescolando i colori, senza vena ricorrente.

Per dare continuità storica alla realizzazione, lo Studio ha deciso di utilizzare, in particolare, il Fior di Pesco Carnico, presente nel primo progetto degli anni ’80. Questo marmo pregiato, dalle tonalità che variano dal grigio, al rosa, al bianco, con venature avorio e grana grossolana, è estratto dall’unica cava al mondo di Forni Avoltri (UD), in esclusiva Margraf.

Anche nell’hôtellerie esclusiva e di design la pietra naturale Margraf gioca un ruolo da protagonista donando un carattere unico e distintivo agli ambienti. Nell’hotel Acquaviva di Desenzano del Garda (BS), progettato dall’Arch. Ferruccio Franzoia con la collaborazione dell’Arch. Claudio Silvestrin, il Masai Spazzolato è stato utilizzato per il rivestimento della hall, delle colonne, delle aree di collegamento e di accesso alle camere; il Picasso Brown per i setti murari che scandiscono gli spazi della zona bar; il Breccia Sarda e il Giallo Reale nella zona ludica e il marmo Calacatta, in diverse tonalità, nei bagni.

Margraf_Bianco Namibia_01

Dalle nuove costruzioni, alle ristrutturazioni di pregio, il marmo è un materiale naturale che può essere utilizzato in tutti gli ambienti. Ne è un esempio il restyling della Barchessa di

Palazzo Anti-Veronese a Vicenza, ad opera dello Studio Zanguio, in collaborazione con l’Architetto Laura Croce in cui il marmo è il protagonista del progetto.

Dalla zona living alla cucina, i materiali Margraf connotano inconfondibilmente lo spazio, secondo uno stile minimalista e raffinato. A cominciare dal Chocolate, dai seducenti toni caldi, impiegato per rivestire la cornice del caminetto, passando per il Grigio Aitos – una pietra particolarmente resistente, dalle tonalità grigio chiare – scelto in lastre levigate di grande formato per i pavimenti e le due scale interne, oltre che per i rivestimenti e il piatto doccia. E non solo. In questo ambiente, infatti, un rivestimento parietale in Pietra Dorata, composto da quattro lastre tagliate e posate a macchia aperta, arricchisce lo spazio di pura bellezza naturale: il marmo si rivela qui in tutte le sue misteriose venature e i suoi seducenti colori.

La versatilità nell’utilizzo e la contemporaneità dei marmi Margraf sono visibili anche nella ristrutturazione di una villa a Frassino (Trapani), in Sicilia, ad opera dell’Architetto Beppe Cialona. Un edificio dal design minimalista dove i colori chiari esaltano la forza cromatica del paesaggio circostante.

Il fascino solenne e l’eleganza senza tempo del Bianco Namibia, che si caratterizza per le venature naturali e la particolare lucentezza, giocano un ruolo da protagonista in tutta la pavimentazione interna. Il candore del marmo, con la sua finitura lucida, crea l’effetto di una singola superficie, cromaticamente uniforme.