Liberare gli spazi di casa per liberare la mente

Pubblicato il 16 luglio 2018 Di

Sarà capitato anche a voi, chi più chi meno, di avere oggetti verso i quali provate un “legame affettivo” e dai quali è difficile distaccarvi anche se non li utilizzate più. Questi oggetti ci ricordano persone, eventi e situazioni e per il significato che gli diamo, talvolta è difficile riuscire a liberarsene.

E’ vero però, che in realtà quello a cui siamo attaccati è l’esperienza che abbiamo vissuto ed è certo che quell’esperienza non potrà mai andare persa o rubata, più di quanto non l’abbia già fatto l’inevitabile trascorrere del tempo…

 

Forti e consapevoli di questa considerazione possiamo guardare oltre e cominciare a pensare che dare un ordine nuovo alla nostra casa e ai nostri oggetti potrà solo essere positivo per la nostra vita, ne guadagneremo in termini di spazio ma anche di benessere psicofisico.

Photo by Gaelle Marcel on Unsplash

 

Questo in linea generale è ciò che promuove la disciplina del decluttering (di cui avrete già sentito parlare) molto diffusa nei paesi anglosassoni e da considerarsi come una vera filosofia di vita. Consiste nel selezionare ed eliminare ciò che non si usa più e ciò può dare beneficio a livello fisico e interiore: “liberandoci” dal passato, aprendo la mente al futuro e alle nuove possibilità.

Anche nella filosofia zen il riordino fisico è un rito che produce grandi vantaggi spirituali: aumenta la fiducia in sé stessi, libera la mente, solleva dall’attaccamento al passato, valorizza le cose preziose, induce a fare meno acquisti inutili. Al contrario, rimanere nel caos significa invece voler allontanare il momento dell’introspezione e della conoscenza.

Photo by John Mark Arnold on Unsplash

 

Liberarsi degli oggetti però non significa buttarli: dato che questi potrebbero essere ancora utili a qualcuno, possiamo dargli una “nuova vita”. La scelta giusta per valorizzare ciò che non ci occorre più ma può essere utilizzato da altri è Mercatopoli, la rete di negozi pronti ad accogliere ciò che non ti serve più e che puoi rivendere. Gli store Mercatopoli, diffusi su tutto il territorio, mettono in connessione coloro che vogliono acquistare con coloro che vogliono vendere.

Photo by Becca McHaffie on Unsplash

 

Si rivela quindi anche una scelta ecologica, perché da Mercatopoli puoi portare oggetti di arredamento, accessori, abbigliamento e gadget. Ad oggi Mercatopoli è il più grande operatore italiano nel settore della vendita tra privati di tutto ciò che riguarda il mondo dell’usato.

Nei punti vendita viene prima di tutto controllata tutta la merce in entrata, facendo attenzione ad accettare solo prodotti di qualità e in ottimo stato. Questa è una garanzia in più per chi si affida a Mercatopoli per vendere o per comprare. I prodotti in vendita sono ad altissima rotazione, vengono cioè rivenduti entro 60 giorni, garantendo a chi acquista accessori e oggetti ben tenuti e funzionanti e con la sicurezza della tracciabilità della vendita.

 

Photo by Clem Onojeghuo on Unsplash

 

Tutti abbiamo oggetti accumulati e in-utilizzati, è il momento di fare largo negli armadi e liberare lo spazio per nuovi oggetti. Mi accingo a fare anche io questa esperienza di vendita da Mercatopoli pensando a liberare lo spazio per liberare la mente.

 

Photo by Sabina Ciesielska on Unsplash

 

 

 

In copertina:Photo by Arnel Hasanovic on Unsplash