Nendo & Front per BE OPEN

Pubblicato il 20 marzo 2015 Di

BE OPEN ha deciso di esplorare questo mondo concentrandosi specialmente su alcuni marchi storici scomparsi, eccellenze internazionali la cui fama è diminuita negli anni a causa di un mercato globale a volte troppo aggressivo.
La mostra è la seconda parte del progetto globale “Made in…”, un tour investigativo sul rapporto virtuoso tra il design contemporaneo e l’eccellenza dei piccoli produttori ai quattro angoli della Terra. In particolare, la ricerca sul profumo si concentra sul retaggio di valori delle realtà delle piccole imprese, comunità che sono state in grado di trasmettere tradizioni, esperienza e rapporti nel corso del tempo.

La fondazione ha invitato 8 designer a reinterpretare la storia e le caratteristiche di altrettanti marchi di profumo ormai scomparsi secondo la loro sensibilità: essi agiranno come direttori artistici dei brand per dimostrare che il design può diventare un punto di forza per aziende di piccole dimensioni che necessitano di un rilancio al fine di soddisfare le caratteristiche del mercato globale contemporaneo.
Tra i protagonisti del progetto, Nendo e Front i quali hanno lavorato rispettivamente sul marchio francese Guyla e sulla casa di profumi russa Koehler&Co.

 
Nendo per Koehler&Co.

Nendo ha affrontato la sfida di reinterpretare il brand russo Koehler&Co sul quale non erano disponibili molte informazioni. Lo studio giapponese ha deciso di lavorare su una delle più famose fragranze del marchio chiamata Fandango.
“Abbiamo deciso di tracciare i contorni della bottiglia di profumo e di ricreare la sua silhouette con all’interno del nuovo flacone con un tubolare in metallo in due versioni: uno è una gradazione di colori freddi e l’altro è una gradazione di colori caldi” dice Oki Sato.
“I profumi sono denominate rispettivamente Fandango -12.3 ºC e Fandango +23.1 ºC, per suggerire la temperatura media degli inverni e delle estati di Mosca, sede di Koehler. Questi due colori di temperature rappresentano anche la freschezza della fragranza invernale e il calore e la passione della fragranza estiva”.unnamed (23)

Front per Guyla

Il trio di designer svedesi si è ispirato alla bellissima bottiglia di Guyla degli anni ’20. Il flacone aveva la forma di un bicchiere di champagne, con una doppia parete di vetro a formare un’intercapedine in cui era contenuta la fragranza. La superficie era decorata con motivi floreali Art-Nouveau dipinti a mano dall’Atelier Martine di Paul Poiret.
“Ci piaceva l’idea di una connessione tra i riferimenti alla natura, alle piante e ai fiori dell’Art Nouveau e il Giardino Botanico. Così siamo arrivare ad un oggetto decorato dalla natura stessa. Abbiamo progettato una credenza con intrecci su cui piante e fiori possono arrampicarsi, con riferimento ai motivi di Poiret e al suo distintivo design a drappeggio. I fiori che cresceranno saranno gli stessi di cui sarà fatto il profumo, così l’espositore avrà lo stesso profumo della fragranza che contiene”, spiegano le Front.
La misteriosa bottiglia a doppia parete le ha ispirate a creare un flacone inaspettato, illuminato dall’interno. Lo spazio espositivo sarà una vera e propria installazione luminosa composta da centinaia di punti luce, come tante lucciole a raffigurare l’impalpabilità della fragranza.unnamed (24)

Le due installazioni, insieme a quelle di Tord Boontje, Front, Jaime Hayon, Lissoni Associati, Jean-Marie Massaud e Nendo verranno inserite all’interno di un museo diffuso creato da Ferruccio Laviani.
The Garden of Wonders si ispira alla storia del profumo e a quella delle materie prime provenienti da tutto il mondo; ogni fragranza rappresenta un viaggio reale e immaginario di merci e culture, un prodotto globale ante litteram. In anni più recenti la relazione tra le fragranze e l’estetica delle confezioni è diventata sempre più intensa, fino a creare brand-identity ben definite alcune delle quali vengono utilizzate ancora oggi.

Nendo & Front per BE OPEN | The Garden of Wonders – Orto Botanico, Milano | 13 Aprile – 24 Maggio 2015