Una simbiosi perfetta di tradizione locale ed eleganza

Pubblicato il 8 novembre 2014 Di

Alte vette, gole profonde, scroscianti cascate e limpidi laghi: adagiato armoniosamente nel suggestivo paesaggio montano svizzero, The Chedi coniuga in modo raffinato tradizione e modernità. Ispirata dal fascino degli chalet svizzeri, l’architettura dell’hotel ne condivide lo stile. Materiali naturali come la pietra, i legni lucidi e la pelle, accoppiati ad accenti di gusto asiatico, sono i cardini della filosofia
di progettazione di questo hotel di lusso a 5 stelle, inaugurato alla fine del 2013. Nelle sue stanze da bagno The Chedi punta sulle vasche da bagno freestanding Centro Duo Oval, sulle Kusatsu Pool, di ispirazione giapponese, e sull’anteprima mondiale Conopool, tutte realizzatenel pregiato acciaio smaltato Kaldewei.

4.1

 
Una tradizione viva per un lusso senza tempo

La facciata di The Chedi, in legno alpino locale, è un omaggio alle bellezze naturali circostanti. Negli ampi interni, alti fino a cinque metri, i materiali naturali e le calde tonalità cromatiche, le morbide poltrone ed i sofà in pelle completati da coperte di pelliccia, le generose finestre panoramiche ed i caminetti aperti assicurano un’atmosfera estremamente accogliente. Completati con i dettagli degli interni, come ad esempio i bronzi di Bali, si è riusciti a realizzare una sapiente simbiosi tra una tradizione viva ed un lusso senza tempo. L’allestimento è opera del designer Jean-Michel Gathy di Denniston Architects, uno studio con sede a Kuala Lumpur,  Malesia, specializzato nell’arredamento di resort di lusso in tutto il mondo. “Quando abbiamo iniziato a progettare The Chedi avevamo un filo conduttore: creare un collegamento armonioso tra gli interni ed il paesaggio esterno. Abbiamo sviluppato elementi innovativi e moderni e, allo stesso tempo, abbiamo conservato tutto locharme alpino dell’hotel ed il suo profondo legame con la natura”, spiega Jean Michel Gathy.