StartUp, Home Design Made in Italy e mercati internazionali LOVEThESIGN S.p.A. sigla la collaborazione con lo storico marchio ALESSI, consolida il ruolo di e-commerce leader per l’home design in Italia e pianifica l’apertura negli Stati Uniti per il 2015

Pubblicato il 28 ottobre 2014 Di

LOVEThESIGN sigla una collaborazione con lo storico marchio ALESSI, che da ottobre 2014 vede una selezione di prodotti iconici e novità in primo piano sulla piattaforma leader in Italia per l’home design. Il marchio piemontese non è la sola new entry d’eccellenza in questa fine 2014, affiancato da FONTANA ARTE, MAGIS, FLOS e MDF ITALIA. Da start up autofinanziata a player di punta del mercato in soli due
anni dalla nascita grazie al mix di passione per il design, creatività e solida strategia manageriale messo a punto da Laura Angius, Vincenzo Cannata e Simone Panfilo: LOVEThESIGN rappresenta oggi l’eccellenza del made in Italy in Italia e in Europa.
Alcuni numeri di questi 24 mesi di attività: i 12 brand a catalogo dell’ottobre 2012 sono diventati mille, tra cui aziende storiche del design italiano, piccole realtà artigiane e designer autoprodotti; i tre fondatori sono affiancati oggi da uno staff di venti persone;la logistica interna gestisce con precisione oltre 1000 prodotti a settimana; gli articoli venduti tra gennaio e settembre 2014 sono oltre 40mila; LOVEThESIGN
comunica quotidianamente con oltre un milione di persone tra sito, blog e social; la pagina Facebook conta 260mila fan (300mila includendo i fan delle pagine UK e Polonia)ed è una case history di riferimento analizzata da Facebook stessa per l’utilizzo dei social nella costruzione di un nuovo business.
Insieme a questi traguardi, l’autunno 2014 preannuncia sviluppi imminenti oltreoceano: dopo i primi sopralluoghi e analisi avviati a settembre, LOVEThESIGN pianifica il lancio sul mercato statunitense nel corso del 2015, per diventare punto di riferimento per i design lovers da New York a San Francisco (e non solo): « Dopo l’Italia e l’Europa, gli USA rappresentano lo sbocco naturale per esprimere globalmente la
nostra filosofia di eccellenza e diffusione del design originale italiano. In un certo senso miriamo a diventare l’Eataly di questo settore storico della creatività», spiega Laura Angius, co-founder.
Il paragone con Eataly non è casuale, e proviene da una profonda conoscenza reciproca fra i due marchi, maturata grazie a diverse collaborazioni in strategie di co-marketing ed eventi per food e design lovers realizzate insieme nel corso di quest’anno.