Successo per NATURA DONNA IMPRESA

Pubblicato il 16 dicembre 2012 Di

Grande successo per l’evento Natura Donna Impresa Verso Expo 2015. Quattro giorni focus sulla creatività green al femminile con l’esposizione di 27 designer provenienti da tutta Italia: Adriana Lohmann, Alieni by Carla Bruschi, Arlette Vermeiren Atelier 49, Chianti Shine, Chiara Zanetti, Chimajarno, Dalaleo, Dalaleo by Michela Bruni, Eandare, Elena Salmistraro, Emanuela Roncalli, Gabriella Campanella, Kevlove, Lorena Giuffrida, Moku, Nel Nel, Paglia Milano, Rebirth Italy, Refuse, Rétro, Sandra Faggiano, Secrets des Filles, Simona Foglia, SoapUp, Stefierre, 13 Ricrea.

“La moda passa il critical fashion semina!” è stato il claim che ha accompagnato l’evento, rileggendo la celebre frase dell’icona dello stile di tutti i tempi Coco Chanel (“la moda passa lo stile resta”) e di “semi” Natura Donna Impresa Verso Expo 2015, in quattro ricchissime giornate di shopping ed eventi collaterali, ne ha seminati tantissimi! E continuerà a farlo perché gli organizzatori hanno già annunciato la prossima edizione: Febbraio 2013 durante la Milano Fashion Week.

Il progetto Natura Donna Impresa Verso Expo 2015 è nato a Milano nel 2010 dall’Agenzia di Comunicazione Edizione Eventi Misuraca&Sammarro con l’intento di dare visibilità e mettere in sinergia donne impegnate in prima persona in esperienze professionali etiche e creare un simposio permanente dal quale lanciare idee e ipotesi “verso Expò 2015”. Dalle arti, al design, alla moda, alla comunicazione, al mondo delle imprese, alla cultura, alla politica, alle associazioni, al volontariato “NDI Verso Ecpo 2015” in due anni ha dato luce a singole esperienze e imprese, riscuotendo forti consensi e costruendo un cammino in condivisione attraverso mostre e tavole rotonde che nel tempo hanno portato all’adesione di oltre cinquanta imprenditrici, creative, artiste, designer e giornaliste.

L’edizione 2012 appena conclusasi e realizzata in collaborazione con Spazio Asti 17 ha rappresentato una ulteriore svolta del progetto ideato dall’Agenzia di Comunicazione Edizione Eventi Misuraca&Sammarro: offrire a giovani brand la possibilità di una vetrina importante con una comunicazione mirata a mettere in luce un sistema produttivo creativo fecondo. Ovvero non più la storia di singole o isolate voci ma un gruppo numeroso di donne professioniste che ogni giorno in Italia fanno ricerca, sperimentazione, muovendo buona economia. Le quattro giornate sono state dunque un’occasione unica per fare rete. Un’opportunità di confronto e di sinergie illuminanti. Nella Milano Capitale della Moda e del Design l’energia pulsante del Green Fashion Design ha mostrato la sua irrefrenabile forza vitale.

Tra gli appuntamenti che hanno fatto da corollario alle giornate di shopping eco chic il 25 novembre – Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne – la presenza di Amnesty International con un intervento di Valentina Erba sul tema “Trappola di genere”.

Molto seguito l’appuntamento con i figli di Guido Crepax, Caterina, Giacomo e Antonio che hanno raccontato al folto numero di presenti curiosità e inediti della mitica Valentina cui era stato reso omaggio nel percorso espositivo con un’ampia selezione di opere proveniente dalla mostra “Valentina Movie”.

Consensi per i momenti di cake design con la Torten, e la tavola rotonda a cura di Fashion Android “lavoro – donne – web”. Per il wedding time di Chiara Besana, le presentazioni di libri di Terre di Mezzo.

<<Siamo decisamente soddisfatte dell’andamento di questa edizione del progetto. – Così le organizzatrici Paola Sammarro e Caterina Misuraca -Ringraziamo la Provincia di Milano Assessorato Moda Eventi Expo per il sostegno. Il fatto di avere già ricevuto numerose domande di adesione per la prossima edizione di febbraio 2013 ci gratifica. Il nostro intento è mettere in luce le eccellenze creative al femminile del nostro Paese. Di creare sinergie comunicative tra i vari brand e fare rete offrendo anche alle realtà in fase di stat up un’occasione unica di visibilità con media e potenziali acquirenti. La strada fino al 2015 è lunga e ci servirà per migliorarci. Una strada di utopie che oggi più che mai ci sembrano praticabili … Perché … la moda passa il critical fashion semina!!!>>.